SURFSKATE: GUIDA ALL'ACQUISTO

Misure, wheelbase, truck e marche dei surfskate. La guida completa

Il surfskate è ormai sempre più diffuso ed usato, non solo dai surfisti che cercano di allenarsi anche quando non ci sono onde ma da un numero crescente di appassionati. Che si tratti di fare semplicemente una passeggiata, surfare onde di legno o bowl, o divertirsi in un piccolo spazio sotto casa, il surfskate è un tipo di skate divertente e che in poco tempo riesce a dare belle soddisfazioni. Ma come scegliere il tuo surfskate ideale fra i tantissimi modelli che ci sono in giro?
Per aiutarti abbiamo preparato questa guida all'acquisto di un Surfskate.

L'acquisto di un surfskate infatti può essere un po 'più complesso rispetto alla scelta di un altro tipo di skate tradizionale. In particolare ci sono 3 cose a cui devi prestare particolare attenzione:

1. DECK nei surfskate, come nel longboard, c'è una grande varietà di dimensioni e forme in termini di tavole. Elementi come larghezza, lunghezza e concavo possono fare grandi differenze nel comportamento del tuo surfskate.
2. WHEEL BASE l'interasse nello skate è definito come la distanza fra i fori del truck anteriore e posteriore. In linea di massima più questa distanza è corta più le curve saranno strette, più è lunga più le curve saranno ampie.
3. TRUCK. Sia nello skateboard che nel longboard, i trucks sono ormai standardizzati. Il Surfskate è nato con l'introduzione di nuovi truck che offrono nuove e più ampie possibilità in termini di rotazione. I marchi leader del settore hanno sviluppato i propri truck con il proprio brevetto, motivo per cui il sistema di un marchio può essere totalmente diverso da quello di un altro.

Una volta compreso che esistono numerose variabili sia a livello di misure che di truck, vediamo di capire come scegliere quello più adatto, rispondendo prima di tutto su 2 punti chiave che sono cosa ti aspetti e cosa vuoi fare con il surfskate e qual'è il tuo budget:

1 - Cosa vuoi fare con il tuo nuovo surfskate?

ALLENAMENTO PROPEDEUTICO AL SURF
Se vuoi rendere il tuo surf più tecnico, la cosa più importante è scegliere un surfskate che riproduca il più fedelmente possibile il movimento della tua tavola da surf. Se fai surf con una tavoletta avrai bisogno di un surfskate molto reattivo e che offra una virata molto stretta. Se la tua tavola da surf è una longboard allora dovresti scegliere qualcosa che ti permetta di muoverti avanti e indietro sul deck e che abbia una virata più ampia.

ANDARE IN GIRO, MAGARI SUL LUNGOMARE O IN CITTà
Qualsiasi surfskate può essere adatto a portarti in giro e fare delle passeggiate, semplicemente divertendoti, facendo pumping e sentendo il “flow” sotto ai piedi. Qui molto dipende dalle tue preferenze personali. In generale però un surfskate con un whellbase più ampio potrebbe essere più confortevole sulle lunghe distanze

ONDE ARTIFICIALI, RAMPE, PARK
Se il tuo obiettivo è affrontare le pendenze di onde artificiali, bowl o skatepark dovresti scegliere un modello con un buon appoggio per i tuoi piedi sia sul tail che sul nose ed una lunghezza maggiore rispetto a quello che useresti in flat. Per quanto riguarda il truck chi proviene dallo skateboard generalmente preferisce sistemi più rigidi con minor torsione e più stabilità, mentre i surfisti preferiscono sistemi meno rigidi e che offrono maggior mobilità... ma qui è questione di gusti più che altro.

2 – Qual'è il tuo budget per il surfskate?

Ci sono fondamentalmente tre fasce di prezzo nei surfskate.

Surfskate economici

I surfskate lowcost hanno pressi che partono da circa 100€ fino ai 160 euro.
Si tratta di surfskate realizzati con i materiali più economici sul mercato, con poca o nulla progettazione e ricerca alle spalle, magari copiando (bene o male) progetti più famosi. I risultati in genere non sono particolarmente buoni e naturalmente è necessario adattarsi a prestazioni non troppo performanti e ad una durata che potrebbe non essere molto lunga.
Questi surfskate potrebbero andar bene per provare il surfskate e magari come primo skate per un bambino, ma molto spesso è possibile trovare per lo stesso prezzo dei surfskate di fascia media o alta per lo stesso prezzo, e se tenuti bene è senz'altro una scelta che ci sentiamo di consigliare.
Il nostro consiglio, dopo averne anche provati diversi, è di lasciar perdere: meglio un buon usato che un nuovo mediocre.

Surfskate di fascia media

La fascia di prezzo media per i surfskate è compresa tra € 160 e € 220 circa. In questa fascia di prezzo a farla da padrone ci sono marchi come Slide, Long Island, Miller e Outride. Si tratta di prodotti che spesso hanno alle spalle una buona ricerca e sviluppo, progetti che coinvolgono atleti o la stessa comunità di surfisti e skaters.
In genere si tratta di prodotti con componenti di buona qualità e ben assemblati.
La differenza fondamentale con i prodotti di fascia alta è generalmente il truck che non è originale e brevettato ma un sistema standard, oppure una riproduzione dei sistemi più famosi.
Si tratta comunque di prodotti molto validi che ci sentiamo di consigliare alla maggior parte delle persone e comunque a chiunque sia in cerca di un compromesso per avere un buon surfskate, senza spendere troppo.

Surfskate di fascia alta

Il surfskate di fascia alta hanno prezzi che partono da circa € 250. Marchi come Carver, Yow Surf, o Smoothstar sono i top brand del settore, i più rappresentativi ed ambiti. La particolarità dei surfskate di fascia alta è che ogni marca ha il proprio sistema di assali capace di dare un feeling unico e particolare, una sua filosofia, atleti che contribuiscono a sviluppare i progetti e promuovere il marchio. Naturalmente tutti i materiali utilizzati sono di alta qualità ed è prestata grande attenzione all'assemblaggio ed alla cura di ogni dettaglio.
Tutti questi surfskate sono consigliati a chi si è realmente appassionato a questo nuovo sport, a chi non ha problemi con il prezzo ed a tutti i surfisti esperti perchè le differenze sono più difficili da percepire per chi è alle prime armi ma diventano più evidenti man mano che si cerca più performance.
In questa fascia di prezzo si possono trovare tantissimi modelli con caratteristiche diverse che è importante valutare con cura per scegliere bene, perchè sarebbe davvero triste ritrovarsi con uno skate fantastico ma che non riusciamo ad usare perchè per le misure che ha potrebbe andar bene a nostro figlio!

CARRATTERISTICHE: com'è fatto un surfskate

Veniamo ora alle caratteristiche da prendere in considerazione quando si tratta di prendere una decisione. Quali sono le caratteristiche da considerare in un surfskate e soprattutto come ne influenzano il comportamento.


DECK

La tavola da surfskate ha misure che possono variare, anche molto.

Lunghezza
Le tavole più piccole sono di solito sui 28 pollici e sono tavole che vanno bene per ragazzini o adulti non altissimi che intendono usarlo in piccoli spazi, le più lunghe sono in genere sui 34 pollici ma possono arrivare a 40 o oltre per modelli particolari.
La lunghezza della tavola da surfskate è strettamente correlata all'altezza di chi la usa.
Prova a divaricare leggermente le gambe, appena più del tuo bacino, in modo da avere una posizione comoda e stabile. Guarda la distanza fra i tuoi piedi (stance) e pensa che difficilmente sarà la stessa per un ragazzo alto 170 cm o per uno alto 2 metri.
Questo è un primo indizio per capire che chi è più alto ha bisogno di una tavola più lunga.
Ma non è solo una questione di altezza.
Se usi il surfskate per una passeggiata sicuramente ti troverai più comodo con le gambe un po' più strette rispetto a come le terresti per fare manovre più avanzate.
Questo perchè la lunghezza del deck influenza il comportamento dello skate: Una tavola più lunga significa maggior appoggio, maggior stabilità.

Larghezza
la larghezza del deck dev'esser tale da ospitare comodamente i piedi, lasciando fuori solo un po' le punte e talloni. In genere i deck da surfskate sono larghi 9,5 pollici ma possono arrivare a 10 pollici per chi ha piedi particolarmente grandi ho necessita di più appoggio per le manovre.

Shape
Round nose, fish, diamond... gli shape si ispirano alle tavole da surf, sebbene in questo caso si tratti spesso di scelte più estetiche che pratiche. Di base è bene evitare shape con nose o tail troppo stretti che non offrono un buon appoggio ai piedi
Fondamentalmente per un uso in flat qualsiasi coda può andar bene, ma se stai pensando ad acrobazie, meglio scegliere una coda più arrotondata e funzionale.
Per quanto riguarda il nose, avere più spazio davanti torna utile in bowl e per gli ollies.

Kick e Concavo
Il deck dello skate può essere quasi completamente piatto da punta a coda, avere solo il tail rialzato oppure anche il nose, o ancora avere del concavo più o meno pronunciato in varie aree.
In linea di massima se cerchi un surfskate per andare in giro, se vuoi una tavola lunga per camminare e fare cross step, dovresti scegliere un deck bello dritto o con un concavo minimo ed un kick tail appena accennato.
Se invece il tuo obiettivo è andare in bowl allora il tuo skate dovrebbe avere un deck con concavo molto profondo ma che si appiattisce nella zona di appoggio dei piedi, kick tail e nose ben pronunciati.

 

 

Interasse (wheelbase)

Ho lasciato per ultimo l'interasse sebbene sia senza ombra di dubbio una delle caratteristiche più importanti da considerare.
L'interasse nello skateboard è definito come la distanza fra i fori dei truck.
Attenzione perchè il wheelbase non corrisponde alla distanza fra i centri delle ruote che generalmente è maggiore di circa 1-2 pollici (tranne che per smoothstar dove al contrario è minore).

Il Wheelbase e di conseguenza la distanza fra le ruote è la caratteristica che determina il carattere dello skate, influenzando il raggio di curvatura. Se prendiamo due skate con caratteristiche uguali in tutto e per tutto ma con interasse diverso il loro comportamento non sarà affatto il medesimo. Per il wheelbase valgono un po' le stesse considerazioni che si possono fare sulla lunghezza della tavola.
Più il whellbase è ampio più le curve sono aperte e il surfskate risulta stabile. Minore è l'interasse più il surfskate girerà stretto e risulterà radicale.
Una regola generale è che la wheel distance (distanza fra i centri delle ruote che ricordiamo è in genere più larga del wheelbase) dovrebbe approssimativamente corrispondere al tuo stance (in particolare allo stance che hai sulla tua surfboard) e normalmente non dovrebbe scendere al di sotto di questa misura. In più bisogna sempre considerare quel che vuoi fare con il tuo surf skateboard e quali sensazioni cerchi di ottenere, anche in termini di corrispondenza con la tua surfboard.

Non hai idea di quale sia il tuo stance?
In genere nel surf lo stance è poco più largo dell'apertura delle spalle. Se vuoi calcolarlo con più precisione mettiti in piedi, allarga le gambe simulando la tua posizione sul surf e misura la distanza fra il centro dei tuoi piedi. E' evidente che questa distanza non è la stessa per tutti e varia, non solo in funzione dell'altezza.

Facciamo un esempio:
Ipotizziamo che tu sia alto 180cm e che il tuo stance sia 48/49 cm circa (quindi 19 pollici). Questa dovrebbe essere all'incirca la misura della distanza fra le tue ruote e il tuo wheelbase ideale dovrebbe essere sui 17 pollici o più:
Skatepark: scegli modelli con whellbase più stretto quindi resta sui 17 pollici
Street: se sei agli inizi preferisci un whellbase più ampio di 17 (18/19), altrimenti scegli pure qualcosa di più corto e reattivo
Downhill, velocità: scegli modelli con whellbase ampio (da 19 o più) che offrono più stabilità alle alte velocità.
Shortboard: se fai surf e sei un tipo da tavoletta scegli un surfskate con wheelbase corto e truck distance più o meno uguale al tuo stance
Longboard: se fai surf con una longboard scegli surfskate con wheelbase da 19 o oltre.

 

Truck da surfskate

Il truck anteriore è l'elemento che più differenza le varie marche fra di loro. Come abbiamo già accennato, nei surfskate ogni marca ha il proprio sistema di assali, o quasi. In alcuni casi si tratta di sistemi brevettati e che sono usati solo da un particolare brand, in altri casi si tratta di sistemi abbastanza simili fra di loro. A livello meccanico, le tipologie di truck più diffusi sono sostanzialmente le seguenti:

TRUCK TIPO CX

La prima tipologia di truck è quella che per comodità chiamiamo CX, dal nome del primo modello di questa tipologia che è stato creato: il CX di Carver appunto. Il CX di Carver è un truck kingpin reverse modificato per ottenere sterzata. Si tratta di un sistema senza molla estremamente semplice e leggero, simile a quello che potrebbe essere usato su un tradizionale creuiser o longboard ma con molta più torsione.
Il truck di questa tipologia per eccellenza è il Carver CX, ma molti marchi hanno ormai sviluppato il proprio stampo di fusione e utilizzano copie più o meno somiglianti al CX e che si comportano spesso molto bene. Alcuni esempi sono Long Island, Miller, Outride, ma non sono i soli. Per saperne di più su questo tipo di truck ti consiglio di leggere il nostro post sui truck surfskate CX e simili


TRUCK CON MOLLA DI COMPRESSIONE

I truck di questo tipo hanno all'interno una molla di compressione che determina la rotazione. Questa molla può essere stretta o allentata rendendo il truck più o meno rigido (e stabile).
Anche in questo caso ci sono vari marchi che utilizzano sistemi con molle di compressione.
Rispetto al sistema tipo CX si tratta di sistemi più complessi e pesanti, ma che permettono di avere un movimento più fluido, maggiori possibilità di regolazione e spesso una rotazione maggiore.

Truck Carver C7
Il leader indiscusso dei truck con molle di compressione è ancora una volta Carver con il suo truck Carver C7. Un sistema che resta fra i più apprezzati sia per la sensazione fluida, ma non troppo loose, che per la possibilità di essere personalizzato attraverso la regolazione della molla e dei bushing.

Truck Slide 3.0
Anche il truck Slide funziona con una molla di compressione in modo analogo al C7 sebbene le differenze nella geometria e nella costruzione facciano sì che abbia un feeling un po' diverso. Molto apprezzato per il suo movimento fluido e per la sensazione non troppo morbida che trasmette sicurezza anche a chi è alle prime armi.

Truck Smoothstar Truster
Il truck Truster di smootstar è composto in realtà da due parti: una sorta di adattatore con all'interno una molla di compressione sopra al quale è installato un truck da skateboard tradizionale. Il sistema permette curve un po' più strette dei due precedenti e offre un'ampia possibilità di regolazione ed in generale una sensazione estremamente fluida, morbida “smooth”.

TRUCK CON MOLLA DI TORSIONE

Anche in questo caso il sistema utilizza una molla per fornire rotazione al truck, ma la molla funziona per torsione anziché per compressione.

Yow V4 e Meraki
Yow Surf è il marchio più rappresentativo in questa categoria. I sui truck V4 prima e Meraki adesso hanno all'interno una molla che restituisce la spinta quando sottoposta a torsione. Il nuovo truck Meraki è un sistema semplificato dove ormai non c'è più un truck tradizionale montato su una sorta di adattatore (come nel V4) ma si tratta ormai di un pezzo unico, più solido e leggero. Quel che non è cambiata è la sensazione estremamente loose e a detta di molti più surf.

TRUCK CON MOLLA A V

Swelltech è il marchio che ha sviluppato l'asse con molla a "V", l'unico che ruota di 360º, e che difficilmente è paragonabile ad altri offrendo sensazioni davvero tutte sue. Estremamente morbido ed instabile, molti lo definiscono poco intuitivo e troppo mobile, mentre altri lo amano proprio per questo.

 

Ruote: forma e dimensione

Anche le ruote influenzano il comportamento del tuo surf skate esendo l'elemento di congiunzione fra la tavola e l'asfalto. I surfskate di fascia media o alta hanno ruote di qualità più che accettabile.
Non tutti i modelli però hanno le stesse ruote e spesso puoi snche scegliere quali ruote abbinare al tuo surfskate.

Senza addentrarci troppo nel discorso ruote, ci sono 3 fattori importanti da considerare: durezza, e dimensione.
Durezza: Indicata con un numero seguito dalla lettera a la durezza influisce sulla tenuta, la durata e sull’assorbimento degli urti. Le ruote da surfskate hanno in genere durezza compresa fra 78A e 82A dove 78A è più morbida, 82A più dure. Le ruote più dure permettono di slidare più facilmente.
Dimensione: La dimensione (diametro e larghezza) influisce su velocità e controllo. Una ruota grande e larga fornisce più velocità in andatura, ma la maggior larghezza la renderà un po' meno maneggevole e per esempio renderà meno facile slidare. Le dimensioni più comuni sono 66mmx51 (66 diametro e 51 larghezza) o 70mmx57mm


COMMENTI

Autore: Vale

Ho incontrato il kitesurf nel 2002 ed è subito stato amore. Qualche anno dopo mi sono avvicinata anche al surf. Quando sono in acqua sono felice e se sei su questo sito probabilmente sai già di cosa sto parlando. Ci vediamo in acqua.

SCARICA APP