EN

SURFSKATE

Surfskate Yow Medina Camo 33.5 2022

Caratteristiche e recensione del surfskate disegnato da Gabriel Medina

Surfskate: Yow Medina Camo 33.5 2022

Deck:

Lunghezza 33.5"
Larghezza: 10.5"
Wheelbase: 17"
Concavo: Alto
Rocker: Tail & Nose Rocker

Set Up:

Truck Meraki
Ruote YOW URA 66x51mm 76A RAW White

Il Surfskate Medina Camo nasce dalla collaborazione fra Yow ed il 2 volte campione del mondo Gabriel Medina, un surfista che certo non ha bisogno di presentazioni. Medina ha progettato questo surfskate per l'allenamento al surf, in modo da avere una tavola che gli permettesse di spingere tutte le sue manovre a fondo, su ogni terreno.

Il Medina 33.5 è un surfskate con un deck ampio: bello lungo e largo ma con un wheelbase piuttosto stretto.

In realtà si tratta di un progetto che combina due degli shape più apprezzati di yow, modificati per andar meglio incontro ai gusti di Gabriel Medina. Il nose è quello del Kontiki 34” però è stato leggermente allargato per ottenere un sistema ancor più veloce e reattivo. Il tail invece è quella del Lakey Peak, un surfskate apprezzato proprio per il suo tail comodo. Il tutto su uno stampo con concavo alto per creare una tavola molto reattiva, ma confortevole con una presa sufficiente per mantenere i piedi attaccati alla tavola anche nelle situazioni più critiche.

Riguardo al concavo c'è da dire che il nuovo modello 2022 utilizza i nuovi stampi con concavo aumentato, di cui abbiamo parlato anche in questo post sui modelli yow 2022

Yow Medina Camo vs La Santa vs Kontiki

Per darvi un po' di misure confrontiamo il Medina Camo con altri deck Yow simili. Per il nostro confronto abbiamo scelto altri due best seller di yow: La Santa e Kontiki.

YOW MEDINA CAMO 33.5 x 10.5 x 17

YOW LA SANTA 33 x 10.25 x 17

Stando alle misure Medina Camo e La Santa sono due surfskate quasi identici. Il Medina è giusto un pelo più lungo e più largo. Stesso interasse, sulla carta. In realtà, sebbene il wheelbase del La Santa sia 17 sulla carta, in realtà è 17.5... Lo abbiamo misurato più volte e in diverse edizioni dal 2020 in poi. Il Surfskate Yow La Santa ha interasse 17.5 quindi appena più ampio del Medina Camo.
Un'altra differenza che non emerge dalle schede tecniche ma che si può vedere confrontandoli dal vero è che nel medina i truck sono leggermente più avanzati rispetto al La Santa. Questo rende il Medina un po' più reattivo ed aggressivo.
Per quanto riguarda Concavo, Nose e Tail Rocker lo stampo da cui escono è lo stesso, quindi abbiamo le stesse curve sui due deck.

 

YOW MEDINA CAMO 33.5 x 10.5 x 17

YOW KONTIKI 34 x 10 x 17

Il Kontiki è un altro surfskate che assomiglia molto al Medina Camo. Lo stesso Medina ha dichiarato di averlo usato come base, ma lo ha allargato per avere più appoggio per i piedi e renderlo più reattivo. Infatti il medina è appena più corto ma più largo, soprattutto al centro e sul tail. Per quanto riguarda Concavo, Nose e Tail Rocker abbiamo le stesse curve sui due deck.

Yow surfskate Medina Camo caratteristiche e conduzione

Yow Medina Camo è un surfskate pensato per l'allenamento al surf. Questo è un surf skate progettato per allenarti fuori dall'acqua nel pumping, bottom turn, top turn, cut back eccetera.  Ma non solo in flat. Il Medina è pensato anche, anzi forse principalmente, per allenarti su tutte le strutture che possono simulare un'onda. Dalle onde di legno al park. Il suo deck ampio, il concavo profondo ed il kick su tail e nose sono pensati per tenere i piedi incollati sul deck permettendoti di spingere il più possibile.

Ma veniamo alla sensazione che si ha sotto ai piedi.

Come per gli altri Yow salendoci sopra provi subito quella sensazione di estrema leggerezza e morbidezza che ti fa riconoscere uno Yow in mezzo agli altri surfskate. Per un principiante che sale per la prima volta su un surfskate può essere una sensazione di instabilità, spiazzante e non troppo confortevole. Come diciamo sempre però basta poco tempo per prendere confidenza con il movimento e superato l'imbarazzo iniziale anche i principianti ci si trovano molto bene, anzi lo trovano più facile di molti altri sistemi.

Il pumping con il Medina Camo è molto fluido. Lo skate parte facilmente anche da fermo e accelera subito. Puoi iniziare a pompare per generare velocità. In pratica più spingi, più risponde ed accelera. 

Il Medina ha un wheelbase di 17, quindi abbastanza stretto. Questo gli permette di girare veramente molto stretto e riuscire a simulare le manovre del surf in flat in pochissimo spazio. La posizione dei truck (leggermente più avanti rispetto ad altri modelli) fa sì che appena spingi impostando la curva gira praticamente su sè stesso. Ma non è solo la posizione dei truck: anche la larghezza del deck ed il suo shape, contribuiscono alla reattività della tavola. 

Il Medina Camo è un surfskate piuttosto aggressivo. Gira veloce, agile. Ma nonostante questo da anche un buon feeling, piuttosto rassicurante. I piedi trovano un bell'appoggio non solo grazie alle dimensioni ma anche e soprattutto grazie al concavo ed allo shape del deck con quel rialzo in corrispondenza delle ruote che da una parte aiuta ad evitare il wheelbite e dall'altra aiuta a bloccare i piedi in posizione evitando di scivolar via. Questa sensazione di piedi bloccati effettivamente quest'anno è aumentata un po' in tutti i deck yow grazie ai nuovi stampi con concavo aumentato. 

In più occasioni abbiamo avuto modo di provarlo anche in park, su rampe o su onde artificiali. Il Medina nel park è nel suo ambiente naturale. Un surfskate che gira stretto e veloce ma con il giusto appoggio per i piedi per farti sempre sentire a tuo agio.

Il nostro consiglio

Consigliamo il Medina Camo a:

- surfisti esperti: ottimo surfskate per il warm up prima di entrare in acqua e per allenarsi al pumping su ogni terreno.

- surfisti e skaters in cerca di un surfskate reattivo per divertirsi in park.

Pubblicato il 23 febbraio 2022 | Blog > Test: SURFSKATE

SCARICA APP