SPLITBOARD: LE TAVOLE DA SNOWBOARD DIVISIBILI

Pro e contro e guida all'acquisto.

Con l'arrivo della prima neve è normale che la voglia di un po' di snowboarding torni a farsi sentire. Negli ultimi anni ad essere sinceri lo snowboard ha un po' arrestato la sua crescita, mentre è tornato a farla da padrone lo sci. Complici anche sci sempre più corti, maneggevoli, facili e divertenti, lo sci ha conosciuto ultimamente un nuovo boom un po' in tutte le discipline, incluse quelle nelle quali erano le tavole da snowboard a farla da padrone, come il freestyle ed il freeride o backcountry.

Negli ultimi anni però si è diffusa una novità, dedicata proprio agli snowboarder amanti del backcountry. Si tratta delle splitboard.
In realtà le tavole splitboard non sono state inventate adesso. I primi esemplari si vedevano in giro già a metà degli anni novanta, però non avevano mai riscosso un gran successo sia per via dei prezzi molto alti, sia perchè non erano così performanti come quelle moderne. Da qualche anno a questa parte invece se ne vedono sempre di più in giro, ecco perchè abbiamo deciso di chiedere ad un nostro amico istruttore di snowboard cosa ne pensa.

Splitboard: che cos'è

La splitboard è una tavola da snowboard divisibile longitudinalmente. Dividere una tavola da snowboard in due consente in pratica di avere qualcosa sotto ai piedi di abbastanza simile ad un paio di sci ed il vantaggio è di poterli usare per salire i pendii, un po' come avviene nello sci alpinismo. Una volta arrivati in cima la tavola può essere riunita e si può scendere usandola come un normalissimo snowboard.

Il grande problema di fare backcountry con lo snowboard, infatti, è sempre stato salire. Il fatto è che le ciaspole non sono poi così comode ed efficaci come un bel paio di sci, soprattutto in certe condizioni. Ecco perchè molti utilizzano dei Minisci per la salita, simili agli sci da sci alpinismo ma più corti. Ciaspole e minisci hanno però in comune il problema di doversi portare in salita la tavola da snowboard appesa allo zaino, che non è certo comodo, come non è il massimo avere le ciaspole o peggio i minisci appesi allo zaino quando si scende. Certo è fattibile, soprattutto se lo fate solo occasionalmente. Ma se lo fate spesso, può valer la pensa considerare soluzioni più comode. 

L'annoso dilemma se sia meglio una splitboard o se siano meglio le ciaspole è in realtà difficile da risolvere perchè bisogna valutare di volta in volta il tipo di gita o percorso che si vuole affrontare e le caratteristiche individuali.
In generale chi si trova ad affrontare la neve polverosa e gite dal lungo sviluppo troveranno parecchi vantaggi nell'uso di una splitboard che permette di avanzare molto più velocemente delle ciaspole in queste condizioni.

Vediamo quindi i principali PRO e CONTRO di usare una splitboard, al posto delle ciaspole, così ciascuno potrà valutare se fa per lui oppure no.

SPLITBOARD: I VANTAGGI

N.1 Puoi fare il passo pattinato

Il principale svantaggio delle ciaspole è che ti costringono ad alzare il piede e camminare. Con due paia di sci sotto ai piedi invece puoi fare il passo pattinato, come ad esempio con gli sci di fondo. Inoltre avere sotto ai piedi due sci, di grandi dimensioni, assicura maggiore galleggiabilità in particolare sulla neve morbida e farinosa che con le ciaspole è un incubo. In conclusione avanzare con una splitboard in pianura o in salita è molto meno faticoso che con le ciaspole. 

N.2 Non hai il peso della tavola sulla schiena.

Portarsi una tavola da snowboard dietro la schiena non è comodo, e questo è un dato di fatto. Certo alcuni zaini super tecnici e super comodi migliorano molto le cose, ma se davvero il freeride è la tua passione prima o poi ti stancherai di questo peso.

N.3 Hai i vantaggi del tuo snowboard

Una volta raggiunta la vetta devi semplicemente ricollegare le due metà ed otterrai una tavola performante come una tavola non divisibile. In discesa non devi portarti nello zaino le ciaspole o i minisci, oltre a tutta l'attrezzatura che devi comunque avere con te, e puoi goderti la fresca con la tua tavola. 
Inoltre la splitboard ti permette di usare i tuoi scarponi da snowboard e se hai provato sia degli scarponi da sci che degli scarponi da snowboard, non avrai dubbi sul fatto che degli scarponi morbidi da snowboard vincano 10 a 0 in comodità.

SLITBOARD: GLI SVANTAGGI

N.1 Il prezzo

Il prezzo è decisamente il limite principale ed il motivo per cui non è un attrezzatura indicata a freerider principianti o occasionali. Una splitboard costa molto più di una tavola da snowboard non divisibile. Sicuramente molto di più di un paio di ciaspole. Inoltre non ti basterà una tavola divisibile. Devi aggiungere le pelli di foca ed un adattatore per i tuoi attacchi, se non era già incluso con la tavola.

N.2 Il ghiaccio

Un fondo ghiacciato non è l'ideale, se poi è anche molto verticale e devi andare di lamina può essere veramente un problema. In linea di massima nei traversi duri è molto più difficile usare le due metà di una splitboard piuttosto che le ciaspole o gli sci. L'uso dei ramponi diventa praticamente obbligatorio.

N.3 La trasformazione non è velocissima

Se vuoi passare alla splitboard, anzichè continuare con le tue ciaspole perchè pensi che così puoi passare in un attimo da una configurazione all'altra, sappi che purtroppo non è esattamente così. Certo, niente di drammatico, ma comunque un minuto ci vuole. Se pensi invece di poter usare le due metà divise per scendere qualche tratto, ancora una volta dobbiamo dirti che non è esattamente così. Certamente potrai farci un paio di curve e forse qualche centinaio di metri, ma niente di più. Gli attacchi in configurazione split non sono fatti per la velocità e non tengono il tuo piede a posto. 
Inoltre il ripellaggio può essere un problema se le pelli restano bagnate (ma questo è un problema anche per gli sciatori).

5 tavole Splitboard 2019 / 2020 a confronto

Le tavole da snowboard splitboard oggi sono commercializzate dalla maggior parte dei brand, per cui è anche possibile trovare qualche buona offerta.

JONES SNOWBOARDS SOLUTION SPLITBOARD 

La Jones Solution è una delle splitboard più apprezzate sul mercato e nella sua versione 2020 è stato fatto un ulteriore lavoro per renderla più leggera e performante. La Jones Solution ha uno shape direzionale che aumenta galleggiamento e stabilità ad alta velocità, mentre il rocker direzionale ha il camber sotto ai piedi e un rocker più largo sul nose rispetto alla coda.
Flex rigido 8/10 per avere massimo controllo e risposta precisa. 
Anima FSC™ Ultra Core ultra leggera in legno di paulonia con inserti in pioppo, Soletta 9900 sinterizzata in Polietilene Ultra-High Molecular Weight e Carbonio
Clip Karakoram ULTRA che offrono estrema resistenza con il profilo più basso in commercio.

https://www.amazon.it/Jones-New-York-Snowboards-Solution/dp/B07VFKZV3B/ref=sr_1_4?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=Jones+Solution&qid=1574068734&sr=8-4

 

ROME POWDER DIVISION SPLITBOARD

Rome è conosciuto per proporre snowboard divisibili con un eccellente rapporto qualità prezzo. La Powder Division in particolare è un bel modello dallo shape direzionale progettato per galleggiare in fresca ed ottenere sensazioni puramente surf. 
Camber sotto i piedi e rocker 3D nel nose che ne migliora la maneggevolezza, mentre il camber sotto i piedi migliora la tenuta in lamina e la reattività.
Flex medio-rigido (7/10) che si traduce in una tavola vivace che permette di avere il controllo a qualunque velocità.
La costruzione offre il giusto compromesso fra performance e leggerezza.  La soletta è in Sintertrue Base: un materiale molto resistente e anche super veloce.

https://www.amazon.it/Rome-Division-Split-Winter-Rome19_PDMT/dp/B07B3LYT1V/ref=sr_1_20?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=snowboard+split&qid=1574089312&rnid=524013031&s=sports&sr=1-20

K2 MARAUDER SPLITBOARD

La Marauder è una splitboard classica, perfetta per spingersi oltre le piste battute ed a detta di molti il miglior modello di K2 grazie alla sua versatilità. Molto maneggevole, la Marauder si distingue per versatilità e facilità di conduzione. Flex intermedio - morbido (6/10).  Viene venduta generalmente in pacchetto con le pelli.

https://www.amazon.it/K2-Marauder-Split-Package-Taglia/dp/B07ZRSW8SR/ref=sr_1_12?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=snowboard%2Bsplit&qid=1574089312&rnid=524013031&s=sports&sr=1-12&th=1&psc=1

NITRO NOMADE SPLITBOARD

La Nomade splitboard 2020 è stata esplicitamente progettata da Nitro per essere lo snowboard divisibile più conveniente sul mercato, chiaramente senza sacrificare la performance. Equipaggiata con Flat-Out Rocker e Power Pod. Ganci in alluminio T7075 rialzati per facilitare le connessioni in pendenza. Base priva di fori per una maggiore durata e longevità. Flex intermedio - morbido (6/10).

https://www.amazon.it/Nitro-Snowboards-Splitboard-Backcountry-Multicolore/dp/B07VCDXDK6/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=splitboard&qid=1574091807&s=sports&sr=1-1&th=1

BURTON FLIGHT ATTENDANT SPLIT

La Burton Flight Attendant è da tempo un best seller, per cui non poteva mancare la versione split. La Flight Attendant Split è una direzionale ma non così spinta come molte altre tavole divisibili. Si tratta di un freeride molto equilibrato nelle geometrie freeride.  Una tavola che convince per l'impareggiabile facilità e la possibilità di regolazione della posizione. Flex Direzionale rigido (8/10). Soletta sinterizzata WFO.

https://www.amazon.it/Burton-Splitboard-154-2019-Snowboard/dp/B07DQ9HLGD/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=splitboard&qid=1574092495&s=sports&sr=1-1

Se non siete ancora pronti per spendere queste cifre per la vostra nuova split, potete dare un'occhiata a qualche modello degli anni passati. Spesso se ne trovano in giro ad un buon prezzo o magari darvi al fai da te! L'azienda Voilé, una delle primissime a realizzare tavole da snowboard divisibili, vende anche un kit per il fai da te con tutto il necessario per segare a metà una vecchia tavola da snowboard (sega esclusa!) e farne una splitboard. Il kit include anche l'adattore per gli attacchi. Se avete un po' di manualità ed una vecchia tavola perchè non provarci?

https://www.amazon.it/Voil%C3%A9-voil%C3%A9-split-fixation-snowboard/dp/B000RRVFDW/ref=sr_1_2?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=Voile+Split&qid=1574000115&s=sports&sr=1-2

 

Attacchi per splitboard

Ok, non hai bisogno di un paio di attacchi specifici, però se non hai degli attacchi per splitboard ti serviranno degli adattatori, che comunque non sono proprio economici, quindi alla fine probabilmente la soluzione migliore è di optare per degli attacchi ad hoc. Molti sulla splitboard optano per la configurazione con attacco e scarpone hard... noi qui restiamo sulla configurazione soft, che resta ad oggi la più diffusa e la più versatile.

Spark R&D Arc Splitboard Binding

Spark R&D è uno dei top brand nel settore degli attacchi split ed il modello ARC è senza alcun dubbio il loro modello più popolare. Un attacco ultraleggero con flex intermedio perfetto per lunghi tours e camminate.

https://www.amazon.it/Spark-Attacco-splitboard-Black-Snowboard/dp/B07HJH2MHT/ref=sr_1_10?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85Z%C3%95%C3%91&dchild=1&qid=1574094316&sr=8-10&srs=9635593031

Union expedition splitboard bindings

Union è un altro dei leader indiscussi nel settore degli attacchi per splitboard. Il modello Expedition è costruito per ridurre al minimo il tempo necessario per convertire la modalità salita / riding. Un attacco leggero, performante, facile da convertire. 

https://www.amazon.it/Union-bindings-Expedition-splitboard-2020-L/dp/B07ZQSTJS4/ref=sr_1_8?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=splitboard+binding&qid=1574161784&sr=8-8

Burton Hitchhiker Splitboard binding

Questo attacco della Burton è compatibile con tutte le splitboard Burton dal 2015. Per le altre tavole può essere necessario un adattore aggiuntivo.  L'HitchHiker è un attacco dalla regolazione facile e affidabile che integra il ben collaudato sistema Tesla T1 sviluppato da Spark R&D.

https://www.amazon.it/Burton-2019-Hitchhiker-Colore-Nero/dp/B07FL9HQHG/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=splitboard%2Bbinding&qid=1574161996&sr=8-1&th=1&psc=1

 

Accessori splitboard backcountry

Bene. Adesso hai la tua split con un bel paio di attacchi... pronto per la salita? Non ancora. Diciamo che ti mancano ancora parecchi accessori assolutamente indispensabili. Ne elenchiamo solo qualcuno, giusto per farti un'idea. Ma la lista non ha nessuna pretesa di completezza!

Pelli di foca

Le pelli di foca sono accessori per alpinismo fondamentali. Le pelli di foca moderne non sono più realizzate con la pelle delle foche ma sono composte, da un lato, di tessuto sintetico e dall’altro di una fibra tessile orientata. È proprio l’orientamento delle fibre che consente di scorrere solo in avanti senza scivolare all’indietro: in questo modo si possono superare pendenze anche importanti. 

https://www.amazon.it/Spark-G3-pelli-splitboard-Medium/dp/B01LFV17VS/ref=sr_1_4?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=splitboard+pelle&qid=1574162424&sr=8-4

Crampon o rampanti

I rampanti sono fondamentali per superare i tratti ghiacciati e le salite più ripide. Dovresti comunque sempre averli con te. 

https://www.amazon.it/VOIL%C3%89-Voile-SPLITBOARD-CRAMPON/dp/B00402MXJA/ref=sr_1_9?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=splitboard+attacchi&qid=1574013078&sr=8-9

Racchette telescopiche

Si lo so che le racchette non sono certo nell'immaginario di uno snowboarder, ma quando dividi la tua tavola e la usi come un paio di sci, avere delle racchette ti aiuta nell'equilibrio e ad avanzare più in fretta. Attenzione però che siano pieghevoli, altrimenti poi ti ingombreranno in discesa.

https://www.amazon.it/Union-expedition-telescopic-110-130-splitboard/dp/B07HKW9GQX/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=splitboard+telescopic+pole&qid=1574163096&s=sports&sr=1-1

Oltre a questo ovviamente, se vi allontanate dalle piste battute dovete sapere esattamente quel che state facendo, quindi ovviamente è importante non improvvisarsi ma affidarsi eventualmente a guide ed avere sempre con sè il necessario come sistema Arva, kit pala, un abbigliamento adatto eccetera. 

 


COMMENTI

Autore: Vale

Ho incontrato il kitesurf nel 2002 ed è subito stato amore. Qualche anno dopo mi sono avvicinata anche al surf. Quando sono in acqua sono felice e se sei su questo sito probabilmente sai già di cosa sto parlando. Ci vediamo in acqua.

CONTATTACI - RICHIEDI INFORMAZIONI