SUP GONFIABILI: GUIDA ALL'ACQUISTO

Come scegliere la tua paddle board gonfiabile

Uno Stand Up Paddle può essere un modo per goderti l'acqua, esplorare la natura da una nuova prospettiva, mantenerti in forma e divertirti in un'infinità di modi da solo, con gli amici e con tutta la famiglia. Se è vero che il Sup è un'attività che si può praticare tutto l'anno è anche vero che l'estate e la bella stagione sono il momento migliore per godersi appieno una tavola da paddle. Pensa alla bellezza di allontanarti dalle spiagge affollate per esplorare piccole calette e insenature, goderti un tramonto sul mare oppure esplorare laghi di montagna e incredibili corsi d'acqua. Un paddleboard può apre a un nuovo mondo di paesaggi naturali che possono essere vissuti da un punto di vista completamente diverso. In piedi mentre remate, potete vedere cose che sono difficili da apprezzare in altro modo.

Tuttavia, a fronte della numerose possibilità che offre un paddleboard e della facilità di utilizzo, c'è da dire che l'ostacolo dell'ingonbro di un SUP è spesso per molti insormontabile. Un sup rigido non è un oggetto propriamente comodo da maneggiare e trasportare, per non parlare del rimessaggio. Chi vive in città o anche solo a mezz'ora dal mare o dal lago, molto spesso rinuncia per mancanza di spazio in casa e per la difficoltà di trasportarlo con l'auto.

Per fortuna per ovviare a questi problemi esistono i Sup Gonfiabili che possono essere comodamente riposti in uno zaino di medie dimensioni e quindi sono incredibilmente comodi e facili da trasportare. Ma vanno anche bene? 

Il dubbio di molti è che un SUP gonfiabile sia solo un giocattolo per bambini o poco più. Quello riguardo ai gonfiabili è un pregiudizio abbastanza diffuso, dovuto in parte alla presenza sul mercato di prodotti fin troppo economici e poco performanti, sia al fatto che fino a qualche anno fa i gonfiabili non erano quelli di oggi. Si perchè oggi invece esistono SUP gonfiabili di ottima qualità che sono in grado di non far rimpiangere un Sup rigido, soprattutto in determinate condizioni. Per non parlare del fatto che per quanto riguarda alcune caratteristiche, prima fra tutte la stabilità, i SUP gonfiabili sono perfino migliori dei Sup rigidi! 

A questo punto resta il dubbio su come scegliere un Sup gonfiabile e quali sono le caratteristiche che dovrebbero esser prese in considerazione prima dell'acquisto.

Tecnologia e materiali dei Sup gonfiabili

Non tutti i Sup gonfiabili sono realizzati nello stesso modo. Ci sono grandi differenze nei materiali e nei metodi di costruzione utilizzati nei paddle board gonfiabili. Senza addentrarci troppo nei diversi materiali e tecnologie utilizzate è importante almeno sapere che esistono due tipologie costruttive principali: single layer e double layer.

Le tavole Single Layer sono realizzate con un singolo strato di materiale. Queste paddle board gonfiabili tenderanno ad essere leggere ed economiche, ma anche meno rigide. Per compensare la minor rigidità data dall'utilizzo di un singolo pannello, spesso sono più spesse.

Le tavole Double Layer hanno una costruzione più robusta ma anche più pesante e più costosa. Queste tavole hanno un secondo strato di tessuto rinforzato in PVC legato allo strato principale. Le tavole Double Layer sono meno diffuse sia per via del costo più elevato che per la generale tendenza a ricercare la leggerezza. Tuttavia lo strato aggiuntivo conferisce maggiore rigidità, resistenza e durabilità alla tavola.

Esiste infine un terzo tipo di Stand Up Paddle con una struttura definita "fusion". Si tratta di Paddle Board Single Layer che hanno un rinforzo aggiuntivo nel materiale. Una sorta di compromesso per mantere bassi sia il peso che i costi, ma ottenere comunque una buona durata e rigidità per la maggior parte delle condizioni.

In linea di massima per un primo Sup è più che sufficiente una tavola single layer. Le tavole double layer sono consigliate a chi cerca performance migliori, soprattutto nelle onde, in condizioni particolari (vento, chop...) o nel caso di rider molto, molto pesanti.

Tipologie di Stand Up Paddle

I Sup gonfiabili, come i sup rigidi, non sono tutti uguali. Esistono modelli che privilegiano la stabilità, altri la maneggevolezza, alcuni sono più adatti ad essere usati in mare, altri nei fiumi. Per scegliere una tavola adatta alle proprie esigenze, la cosa importante è come sempre capire cosa cerchiamo in una paddle board e come immaginiamo di usarla. 

Allround SUP  Sono sup con nose arrotondato e bello largo. La lunghezza varia fra 9 e 10.8 piedi e la larghezza fra 32 e 34 pollici. Sono tavole ottimizzate per offrire il giusto compromesso fra maneggevolezza e stabilità. Sono i modelli più polivalenti, progettati per funzionare nella maggior parte delle condizioni, ovviamente senza eccellere in nessuna. Generalmente sono la scelta migliore come primo sup, quando l'obiettivo è semplicemente quello di prendere una tavola e pagaiare... poi il resto verrà da se!

Touring SUP sono sup dalla forma un po' più allungata, con il nose a punta e adattati alla pagaiata su lunghe distanzequando una planata efficiente è più importante della maneggevolezza. La lunghezza è in genere fra 11.6 e 12.6, mentre la larghezza 31 o 32 pollici. Possono andar bene come primo Paddle a patto di scegliere un modello comunque sufficientemente largo, se hai in mente di usarlo per fare escursioni, esplorare la costa e non ti spaventano ore ed ore a pagaiare!

Racing SUP sono tavole da corsa, lunghe anche 14 piedi o più e larghe meno di 30 pollici, con nose e tail a punta. Concepite per raggiungere la massima velocità. Non sono adatte come primo Stand Up Paddle

Surf SUP Ebbene sì, anche con un Sup gonfiabile si può fare surf. Magari senza spingersi all'estremo, ma oggi la tecnologia permette di ottenere SUP gonfiabili sufficientemente rigidi e performanti da divertirsi anche sulle onde. Questi  sono paddle board abbastanza simili alle tavole Allround, con il nose arrotondato e ampio, ma un po' più corte (anche meno di 9 piedi) e maneggevoli. Inoltre dovrebbero avere maggiore rigidità. Di contro una tavola più piccola e quindi con meno volume all'inizio può risultare un po' troppo instabile, inoltre la pagaiata è meno efficace.

Whitewater SUP sono tavole adatte ad essere usate sui fiumi e possono affrontare anche qualche rapida o le onde dei fiumi.

Yoga SUP sono SUP ampi e stabili come i sup allround e con un pad deck lungo e morbido. 

Fishing SUP I paddle da pesca sono ampi e stabili come i sup allround e possono avere una varietà di accessori per contenere canne da pesca e altri attrezzi.

Per non parlare poi dei modelli SUP Windsurf e Sup foiling

Come primo SUP consigliamo vivamente di scegliere un modello Allround o al limite Touring. I modelli Allround sono comunque adatti anche al Touring, al Surf, allo Yoga. La differenza è che con un modello polivalente sarà possibile provare le varie discipline più facilmente.

Scegliere la misura del Sup Gonfiabile

Dopo aver scelto una categoria di paddle board, dovrai comunque decidere quale tavola è la migliore per te e le tue esigenze.  Qui entrano in gioco fattori come il tuo peso, il tuo grado di allenamento e le tue preferenze.

In linea di massima, i paddler più grandi e pesanti dovrebbero pagaiare su tavole più grandi. Il valore di riferimento da tener presente è quello dei litri della tavola. 

VOLUME SUP = IL TUO PESO x 2 o più (se sei un principiante) Quindi almeno 140 litri se sei 70kg.

Il moltiplicatore può scendere al di sotto di 2 (arrivando anche a poco più di uno) nel caso di paddler molto esperti e per l'utilizzo in discipline specifiche. 

Nel caso dei SUP gonfiabili generalmente si ha a che fare con volumi molto maggiori, anche a parità di lunghezza e larghezza con una tavola rigida.

Ma, oltre ai litri, ci sono molte altre sfumature da considerare riguardo la forma e le dimensioni della tavola. Ecco alcuni principi generali per iniziare a capire come le dimensioni e la forma di una tavola influenzano le sue prestazioni:

Una tavola più lunga avrà più planata di una più corta.  
Una tavola più stretta sarà più veloce di una tavola più larga, ma anche meno stabile
Una tavola più larga sarà più stabile di una tavola più stretta.
Le tavole con una coda più larga saranno più stabili delle tavole a coda stretta.
Le tavole con una coda stretta gireranno più rapidamente durante le manovre di surf

In ogni caso per comprare la tua tavola è importante fare riferimento alle specifiche del modello che hai scelto, dove di solito è indicata la misura consigliata in base al peso del rider. 

Giusto per fare un paio di esempi, ecco misure abbastanza comuni per Sup gonfiabili:

Allround 10.4/10.6 X 33 X 5.5 (per rider fino a 95-100 kg)
Touring 12.6 X 32 X 6 (per rider fino a 100-110 kg)

 

Il sistema di Pinne

Spesso sottovalutato, il sistema di pinne è un elemento fondamentale da valutare con attenzione.

In particolare la prima differrenza è fra pinne integrate o removibili. Inutile dire che le pinne removibili offrono maggiori possibilità poichè potete sempre sostituirle con un modello più rigido o più grande o più piccolo, se ne sentite l'esigenza.

La seconda questione riguarda il numero di pinne. Molto spesso c'è una sola scassa, per una pinna centrale abbastanza grande. Alcuni modelli, montano 3 pinne con due pinnette laterali che offrono una maggior stabilizzazione. Modelli a 2 o 4 pinne sono più rari.

Conclusioni: quale sup gonfiabile scegliere

Dopo aver visto quali sono gli aspetti da considerare per la scelta di un sup gonfiabile ecco il nostro consiglio.

Come primo SUP gonfiabile scegliete un SUP Allround single layer. Essendo single layer vi consigliamo di non rismarmiare eccessivamente sul prezzo e magari evitare prodotti super lowcost, ma non serve nemmeno spendere 1000€. Ci sono ottimi pacchetti di Sup gonfiabili molto validi che includono oltre alla tavola anche pagaia, pompa, sacca che costano intorno alle 500€ (poco più o poco meno).

Dai un'occhiata ai sup gonfiabili in vendita online sul nostro negozio e chatta con noi se ti serve un consiglio!

Consigliamo di cercare qualcosa di più performante a chi pensa di usarlo per prendere qualche onda, e allora la rigidità diventa un fattore importante, o per usarlo in mare anche con un pochino di vento e chop.


COMMENTI

Autore: Vale

Ho incontrato il kitesurf nel 2002 ed è subito stato amore. Qualche anno dopo mi sono avvicinata anche al surf. Quando sono in acqua sono felice e se sei su questo sito probabilmente sai già di cosa sto parlando. Ci vediamo in acqua.