FACEBOOK | CIAO AREA PERSONALE [ ESCI ]

Materiali

Tabularasa | |

5 DOMANDE A RAPHAEL SALLES SUL BANDIT DOS

5 Domande a Raphael Salles sul Bandit Dos
5 Domande a Raphael Salles sul Bandit Dos
5 Domande a Raphael Salles sul Bandit Dos

F. ONE ha introdotto la seconda versione del suo Bandit, un ala che già dal suo debutto è divenuta un punto di riferimento. Rispetto al 2008 F-one promette maggiore range di utilizzo, ulteriormente migliorato il comportamento déhooké, taglie di grandi dimensioni alleggerite e più veloci, più potenza nel range basso di utilizzo, migliorata velocità di rotazione, e gestione più progressiva della potenza, depower più immediata, sensazione sulla barra più leggera e costruzione rinforzata. In definitiva Fone annuncia un kite che migliora in ogni sua caratteristica... naturalmente il tutto resta da verificare in acqua, ma nel frattempo, ecco una breve intervista a Raphaël Salles (lo sviluppatore):

Cosa cercano secondo te la maggior parte dei riders?

Gli atleti e gli altri riders non si aspettano necessariamente la stessa cosa, in ogni caso è prima di tutto compito nostro progredire sviluppando nuovi modelli e offrendo ciò che fin'ora non era neppure pensabile. Fino allo scorso anno, nessuno pensava ad un unico modello di ala, e l'abbiamo fatto col Bandit. In generale i progressi sono nel range di utilizzo e sensazione. Tutti noi facciamo kite per il piacere di farlo, non per il piacere di essere trascinato dietro un ala senza controllo.

Tu parli per questo Bandit dos, di un nuovo comportamento in déhooké. Vale a dire?

Il feeling e la trazione della barra sono stati modificati e il raggio di sterzata dell'ala è più corto, ma senza cadere nell'effetto zanzara. La barra non tira più quando si sventa l'ala e il depower è più corto. Il Bandit Dos viene fornito di serie con il depower più corto (l'anno scorso si poteva montare in opzione), non c'è più bisogno della stopper ball e il clam cleat è più basso.. In déhooké la trazione delle back modifica ancor meno il comportamento della vela e la potenza dell'ala resta simile così sganciarsi diventa più facile, anche nel vento forte. Più in generale quali sono realmente le novità di questo Bandit 2?

Abbiamo mantenuto il range in basso del Bandit1 ma migliorato notevolmente il range alto, dove c'era più margine di miglioramento. Stabilità, comfort, bordo finestra, sensazione sulla barra più diretto, raggio di curva più breve, facilità nell'inviare l'ala allo zenit per i salti, sostentamento, déhooké ... Ma la cosa migliore è sempre di provare, perché è troppo facile da dire tutto questo ....

Gli atleti F One navigano con prototipi?

No, i nostri atleti usano le vele di serie. Un prototipo non è mai perfetto, ed è meglio per navigare usare le ali di produzione che sono finite e testate.

Metter fine alla segmentazione della gamma e proporre solo una scelta è stata una scommessa audace. Il bilancio di oggi?

Il punto di partenza è stato il DELTA C SHAPE, abbiamo sviluppato questo concetto e oggi abbiamo la conferma che è la soluzione migliore per il nostro sport. Per la sicurezza, per tutti i livelli della scuola ai pro e per tutte le discipline, il Delta è la forma ideale. Essa ci permette di avere un unico modello e questa è una scommessa vinta. Lo ha confermato con l'aumento delle vendite, Continueremo su questa linea per il 2009 con un unico modello. Il Revolt (per chi se lo stesse chiedendo) non è realmente un modello diverso ma soltanto una versione più economica e quindi un po 'più accessibile del Bandit. Sembra che anche altre marche si siano ispirate a molte delle nostre scelte tecniche, il delta, il brigliato EVO a solo 4 linee con effetto di quinta linea, in più si chiama anche Intelligente ... beh, grazie!

(traduzione a cura di tabularasa da flysurf.com)

COMMENTI

Autore: Tabularasa

NEWSLETTER

controllo se ci sono attività collegabili

LEGGI ANCHE...

MERCATINO

CONTATTACI