• Kite mission
    Kite mission
  • Kite mission
    Kite mission
  • Kite mission
    Kite mission
  • Kite mission
    Kite mission

ALBERTO RONDINA PORTA A TERMINE LA MISSIONE!

Per il secondo anno il campione italiano di Kitesurf, Alberto Rondina, si aggiudica la vittoria della Red Bull Kite Mission.

A Capo Spartivento (CA) si conclude l’ultima edizione della Red Bull Kite Mission, un viaggio cominciato dieci giorni fa quando i più forti kiter italiani si sono dati appuntamento ad Olbia e da lì hanno intrapreso un viaggio alla ricerca dei migliori spot per praticare il kitesurfing. Chilometri e chilometri percorsi a bordo di camper, attraversando l’isola in lungo e in largo. Capo Testa, Rena Majori, Vignola, Cabras, Chia, Tuarredda, Porto Pino sono tra gli spot che ci hanno regalato le condizioni di vento ottimali per entrare in acqua, ogni giorno con una mission diversa. Best Trick, Best Move, Freestyle, Hang Time, long Distance, Kite Park e Wave hanno decretato il vincitore della Red Bull Kite Mission 2007: Alberto Rondina, che ha difeso il titolo dallo scorso anno.

La Red Bull Kite Mission non premia solo il migliore atleta in acqua. Gabriele Antonetti da Viareggio conquista il premio “Best Attitude” riservato a chi riusciva ad interpretare a pieno lo spirito dell’evento. Per lui una chitarra Fender che lo accompagnerà nei suoi viaggi e alla fine delle giornate in spiaggia.

Un riconoscimento speciale per il kiter che ha performato meglio nella prova di Kite Park. Il giovane Stefano Maselli, nonostante non avesse esperienza in questa disciplina, è riuscito ad affrontare ogni struttura con decisione e un buon livello tecnico, distinguendosi tra gli atleti. Si è guadagnato così una wild card per partecipare ad un evento di kite park che si terrà nel 2008 ai Caraibi.

Tra le donne, per la prima volta invitate alla Red Bull Kite Mission, ha dimostrato grandi doti la diciannovenne di Follonica Alice Brunacci, premiata con un viaggio a Tarifa, la località spagnola preferita dagli amanti del kite.

A rendere il livello dell’ultima edizione dell’evento ancora più elevato, la partecipazione di Gisela Pulido, che a soli 13 anni vanta già il maggiore titolo che si può conseguire in questo sport. La Campionessa del mondo ha incantato tutti con la sua abilità e tecnica, condita da un’ineguagliabile grazia e precisione nell’esecuzione delle manovre.

La Red Bull Kite Mission termina qui ma potete continuare a seguire l’evento sul sito http://www.redbullkitemission.it dove troverete un diario aggiornato quotidianamente sulla vita della carovana dei kiter, arricchito da una gallery fotografica per documentare questa fantastica esperienza.

http://www.redbullkitemission.it


COMMENTI

Autore: Vale

Ho incontrato il kitesurf nel 2002 ed è subito stato amore. Qualche anno dopo mi sono avvicinata anche al surf. Quando sono in acqua sono felice e se sei su questo sito probabilmente sai già di cosa sto parlando. Ci vediamo in acqua.