BARRA DA KITESURF E LINEE

Le misure contano, eccome!

Lunghezza e larghezza sono misure essenziali, molto più importanti di quello che pensi, ma non sempre più lungo e più largo è meglio, a volte bisogna scegliere la misura più piccola.

Di cosa stiamo parlando? Della larghezza della tua barra da kitesurf, e della lunghezza delle tue linee, ovviamente.

Troppo spesso sottovalutate, queste misure sono entrambe fondamentali per il giusto setting del tuo kite e in questo articolo ti spiegheremo tutto quello che devi sapere per ottenere in ogni momento le prestazioni ottimali dalla tua vela da kitesurf.
Del resto per capire l'importanza di queste misure è sufficiente fare un paio di prove durante una sessione, cambiando misura della barra e delle linee, per accorgersi subito di come cambia di conseguenza il comportamento del kite ed il suo feeling. 

Che tu sia un esperto kiter esperto alla ricerca della miglior configurazione per assecondare il tuo stile o un semplice principiante alla ricerca del modo per rendere il kite più gestibile in diverse condizioni, capire come la misura della tua barra e delle tue linee modificano il comportamento del tuo kite ti aiuterà senz'altro a sfruttare meglio la tua attrezzatura e progredire. Ma andiamo con ordine e vediamo i concetti fondamentali da capire per non sbagliare mai più le misure.

LA BARRA DA KITESURF

Il funzionamento della barra da kitesurf è assimilabile a quello di una leva che ruota intorno ad un fulcro. Muovendo la barra si tirano i tip del kite che così ruota. Pensando alla barra come ad una leva si capisce subito che a parità di forza che imprimiamo sulla barra, una barra lunga trasmetterà una quantità di movimento maggiore al nostro kite. E infatti non tutte le barre da kitesurf sono lunghe uguali ma i brand ci propongono in genere almeno un paio di barre: una da usare con i kites di misura piccola ed una da usare con i kites più grandi, ma alcuni brand propongono anche più di due misure. Fortunatamente molte barre hanno sistemi che permettono di essere montate a passo stretto o largo, in modo da poter usare la stessa bara per il vostro kite piccolo e per il vostro kite più grande, regolandone la larghezza.

Una barra corta ti offre una leva minore di una barra più lunga e questo di per sè non è nè un bene nè un male ma un parametro da considerare insieme alla misura della vela, del vento e delle nostre preferenze.
La regola generale è: kite piccolo barra corta, kite grande barra grande. 
Un kite piccolo è più veloce e reattivo mentre un kite più grande gira più lentamente e richiede di imprimere più forza ai nostri comandi. Le vele piccole sono fin troppo scattanti e una barra larga le rende ancora più veloci, spesso troppo, mentre una barra corta rallenta il loro tempo di reazione rendendole più docili. Gli acquiloni grandi al contrario hanno spesso il problema di essere fin troppo lenti e faticosi da gestire, quindi allargare la leva ci aiuterà al contrario ad aumentare la forza dei nostri comandi. 
Naturalmente non succede quasi mai di dover aumentare la velocità di un kite piccolo, al contrario usare una barra piccola su un acquilone di misura intermedia o una barra più piccola su un aquilone di grandi dimensioni è spesso molto utile per i principianti e per i piloti wakestyle che traggono beneficio da un kite meno reattivo, più lento che richiede più input da parte del pilota per muoversi. Ricapitolando
 

BARRA STRETTA:

Si usa con kite piccoli e vento forte o con kite medio grandi in particolari condizioni (principianti e wakestyle)
Rallenta la velocità di sterzata del kite
Kite meno reattivo
Utile per i principianti, rende il kite più stabile e docile.
Utile per imparare nuove manovre wakestyle

BARRA LARGA:

Più leva, si usa con gli aquiloni più grandi
Rende il kite più reattivo e veloce
Rende il kite meno duro e faticoso
Utile per saltare in alto (movimento del kite più veloce)
Aumenta la velocità di sterzata dell'aquilone
 

LE LINEE

Veniamo ora alla lunghezza delle linee che collegano la nostra barra al kite. In genere le linee sono disponibili in lunghezze che variano da un minimo di 19 metri fino a 27, anche se le misure più usate sono quelle dai 22 ai 24 metri. Molti brand vendono le loro barre con linee corte più delle prolunghe da 3 metri da montare al bisogno.
Vediamo cosa influenza la lunghezza delle linee e quando è consigliabile utilizzare una lunghezza piuttosto che un'altra.

La lunghezza delle linee è direttamente proporzionale alla dimensione della finestra di vento.

Più le linee sono corte, più piccola è la finestra. Linee corte implicano minor potenziale di generare energia, minore capacità di salto ma anche sterzata più veloce, kiteloops più stretti e maneggevolezza più reattiva. Tradotto con le linee corte il tuo kite sarà meno potente ma più veloce e reattivo. Le linee corte si usano in genere con barra stretta e sono la configurazione ideale per waveriding, freestyle e wakestyle.

Al contrario, più lunghe sono le tue linee, più grande è la tua finestra del vento. Ciò significa maggiore potenziale produzione di energia, maggiore capacità di salto, ma anche una gestione più lenta e meno reattiva. Linee più lunghe permettono anche al tuo kite di volare più in alto dove il vento tende ad essere più forte. Le linee lunghe si abbinano a barre più larghe. Linee molto lunghe (27 metri) ti garantiscono un lift enorme. 

Queste differenze di prestazioni possono essere viste come buone o cattive, tutto dipende dal tipo di pilota che si è, dalla dimensione dell'aquilone e dal vento. Ad esempio alcuni principianti preferiscono utilizzare le linee più corte in modo da avere un kite meno potente e che risponde subito ai comandi, altri principianti preferiscono usare linee più lunghe così da avere un acquilone più "fermo".

L'ideale è di avere sempre con sè delle prolunghe e provare in prima persona cosa cambia nel comportamento del kite con linee corte o lunghe, in modo da decidere in base alle proprie preferenze ed alle condizioni della giornata. Ricapitolanto

LINEE CORTE

Minor potenza
Maggior velocità di rotazione
Kiteloops più veloci e più stretti
Rilancio più facile
Barra più reattiva
Meglio per vento super rafficato
Più adatte al surf
 

LINEE LUNGHE

Maggior potenza
Maggiore potenziale di salto
Barra meno reattiva
Kite più lento
Migliori prestazioni con vento leggero o bucato


COMMENTI

Autore: Vale

Ho incontrato il kitesurf nel 2002 ed è subito stato amore. Qualche anno dopo mi sono avvicinata anche al surf. Quando sono in acqua sono felice e se sei su questo sito probabilmente sai già di cosa sto parlando. Ci vediamo in acqua.

TAGS

Argomenti simili

Guida al kitesurf

Manuale di kitesurfing per principianti

Il Kitesurf: iniziamo con le presentazioni. Il Kitesurf è uno sport velico abbastanza recente, nato alla fine degli anni novanta come idrido fra aquilonismo da trazione, surf, wakeboard e windsurf. Utilizza la potenza sviluppata da aquiloni (kite) manovrabili per mezzo di un boma cui sono collegati attraverso dei cavi: generalmente quattro, cui se ne può aggiungere un quinto, ma esistono anche versioni a due soli cavi (in particolare i primi esemplari, ed alcuni aquiloni usati nelle scuole)

Valentina |

NEWSLETTER

AMAZON PRODUCT

MERCATINO

CONTATTACI