FACEBOOK | CIAO AREA PERSONALE [ ESCI ]

Materiali

Diego | |

BATALEON THE JAM 164

Bataleon the Jam 164
Bataleon the Jam 164

finalmente approfittando dell'estate e di un poco di tempo libero sono a scrivere  un paio di recensioni sull'attrezzatura.

 

la Tavola

non vergine della tbt, l'inverno passato ho comprato la tavola per cazzeggiare quella che ormai uso per il 90% delle uscite: Bataleon Jam 164

partiamo con i difetti

l'unico difetto che ho potuto riscontrare è la discutibile lentezza della soletta bataleon rispetto ad altre; anche se prende subito velocità quando fai lavorare l'unico tratto flat della tavola ( bisogna farci un pò la mano poi viene naturale).

Dal momento che non mi cronometra nessuno e non faccio boarder cross non è una cosa che mi tocca così tanto.
Intendiamoci non è una tavola lenta e piantata per terra (semmai è il contrario) ma se l'obbiettivo è la velocità pura (prendi una hard) ce ne sono di meglio.

chiuso il discorso sulla soletta si apre il wahalla...

vorrei spendere ancora due parole sulla triple base tecnology, come tantissimi aspetti dello snowboard è molto soggettiva e dipende da come lavorano scarponi-attacchi-tavola insieme e dalle abitudini del boarder, conclusa questa doverosa precisazione posso affermare tranquillamente che è la miglior tavola che abbia mai avuto oltre che per gli aspetti tecnici, per l'ulteriore salto di qualità del mio modo di fare snowb che il suo utilizzo ha reso possibile.

La vera differenza è nella sicurezza e nel rendere facile quello che prima era impegnativo, questo shape 3d (in parole povere la tbt è essenzialmente questo) rende facili molte cose e aumenta considerevolmente la stabilità e la fluidità della surfata trasformando ogni spostamento di peso in una istantanea e morbida risposta della tavola.Generalmente basta letteralmente spostare il popo (non dico culo perchè sono una persona fine) avanti ed indietro per innescare una stilosa serpentina, allargare le braccia e buttarti dentro alla curva per carvare.Ha un pop bestiale ed anche da fermo holla con decisione, è leggera e ben bilanciata ed atterra dai salti sicura senza sbavature (quando arrivi in piedi e non di testa :-) i cambi di lamina hanno il cambio automatico e dopo averci preso un attimo la mano puoi anche rilassati guardando il paesaggio perchè curva da sola... davvero!!! nello stetto è ben bilanciata ed essendo direzionale non ha sbavature di traiettoria ( in pratica stà lì e non scula da nessuna parte).

tirando le somme è un'ottima tavola, da usare tanto e sempre, va bene ovuque dal park alla fresca e sono stati soldi spesi bene. Non voglio paragonarla ad altre marche perchè penso che il suo obbiettivo non sia quello di spodestare le pro-model vendute a peso d'oro (anche se non è a buon mercato nemmeno lei) ma quello di creare un'armonia tra il rider e la montagna, un po' come l'ossimoro latino presente sulla bandiera di Modena AVIA PERVIA liberamente tradotto: "rendere possibile l'impossibile"

se desiderate informazioni specifiche ed impressioni in particolari situazioni risponderò volentieri.

ciao a tutti e buona Estate.

 

 

 

COMMENTI

Autore: Diego

NEWSLETTER

controllo se ci sono attività collegabili

LEGGI ANCHE...

MERCATINO

CONTATTACI