BRUNOTTI YOURI ZOON PRO MODEL 132X41

Brunotti è un marchio storico negli sport acquatici e famoso per l'innovazione e la qualità delle sue tavole che da anni si contraddistinguono per l'anima completamente in legno.

La Youri Zoon è il modello pro della gamma 2010 e già a terra si presenta decisamente bene. Osservandola colpiscono le scanalature nella carena (stile wake), i così detti channel che servono ad assorbire e scaricare al meglio la potenza, pad e straps ergonomici, molto morbidi e comodi. I pads hanno gel siliconico nella parte del tallone per attenuare gli atterraggi più bruschi. Le pinne hanno una dimensione media di 5cm, un buon compromesso per poter usare la tavola in ogni condizione. Lo shape della tavola fa subito intuire il suo orientamento freestyle, più orientata al Wakestyle. La youri zoon è molto piatta con pochissimo scop, circa 1cm meno delle sue dirette concorrenti.

La tavola è stata provata durante il nostro recente kite trip in Sardegna in varie condizioni con venti che andavano dai 14 ai 35 nodi, con acqua piatta o chopposa.

In acqua la Brunotti è davvero comodissima: non la senti, sembra di non avere niente sotto i piedi. Se vi siete fatti l'idea di una tavola estrema, ecco avete fatto il nostro errore. La Youri Zoon ha delle caratteristiche uniche che si apprezzano solo in acqua. Semplice, fluida e permissiva, riesce al tempo stesso a regalare delle soddisfazioni uniche se portata al limite. Il WakeStyle è il suo pane. Il pop di questa tavola è grandioso anche se all'inizio non si riesce a spingere come si vorrebbe. Il mare chopposo con la Brunotti non è più un problema, riesci a passare i chop senza tanti problemi, ammortizzando molto bene. La tavola non schizza, in nessun modo anche in presenza di vento forte e mare molto chopposo. Negli atterraggi è grandiosa, perdona tantissimo anche errori gravi, cosa che semplicemente è difficile aspettarsi da una tavola di questo livello. In più anche se ha pochissimo scop la tavola difficilmente si ingavona.

Conclusioni

La Brunotti Youri Zoon ci ha sbalordito in tutto e per tutto. Ci aspettavamo una tavola tecnica poco permissiva e limitata al Wake e invece si è dimostrata una tavola polivalente, capace di grandi carvate, cambi di direzione molto stretti, comoda in andatura tanto da riuscire a stare un acqua per oltre tre ore consecutive senza renderse conto. Ma sicuramente la cosa che ci ha impressionato di più è la sua semplicità di utilizzo e la sua capacità di adattarsi al livello del rider.

Cosa non ci è piaciuto

In andatura in pieno lasco la tavola tende ad essere un po' "scivolosa" per via del poco scoop solo in parte compensato dalle scanalature sulla carena, ma è una sensazione cui ci si può abituare velocemente.


COMMENTI

Autore: Sergio

Ho iniziato la mia avventura con gli sport da tavola nel 1995 con lo snowboard. Nel 2002, durante una giornata al mare, ho visto per la prima volta fare kitesurf ed è stato amore a prima vista. Dopo anni alla ricerca di vento e onde mi sono deciso di fare un corso di SURF ed adesso la passione che ho per il kite si è allargata anche al SURF. Sono sempre alla ricerca dell'onda in Italia e all'estero e quando non posso surfare faccio Skate per migliorare il mio stile. Il mio desiderio.... riuscire a tramandare le mie passioni anche a mio figlio..

CONTATTACI