CURA E MANUTENZIONE DELLA TUA BOARD

"L'estate sta finendo.." cantavano una volta, purtroppo per noi rider invece ci apprestiamo ad entrare in quella stagione che non spiega veramente nulla dove il caldo è afoso, straziante, opprimente insomma quella stagione dove uno scenario stile "The day after tomorrow" non ci starebbe poi tanto male per rinfrescarsi un poco.
Tutto questo comporta grossi disagi a milioni e milioni di persone,sicuramente quello più atroce e grave è che NON SI PUO SURFARE LA BENEAMATA FRESCA, però possiamo usare questo tempo per dare una sistemata alla nostra compagna di tante avventure, quindi seguite i consigli del vostro artigiano di fiducia (cioè il qui presente Mizio).

QUESTI CONSIGLI SONO RIVOLTI A CHI HA IL TEMPO E LA VOGLIA DI DARE UNA SISTEMATA ALLA PROPRIA TAVOLA ASPETTANDO LA RIAPERTURA DEGLI IMPIANTI, PERO' E' GIUSTO SAPERE CHE MOLTI CENTRI SPECIALIZZATI HANNO DEI MACCHINARI PER LA PULIZIA E SCIOLINATURA A CALDO DELLE TAVOLE.
DIMENTICAVO CHE OLTRE A QUESTI CONSIGLI E' SEMPRE BENE USARE UN PO' DI BUON SENSO, NON VORREMMO CHE ALLA FINE DEL TRATTAMENTO VI RITROVIATE CON LA TAVOLA RIDOTTA PEGGIO DI PRIMA E SE DOVETE FARE UN TROIAIO ANDATE AL MARE OK?
BUON DIVERTIMENTO.

Prima di cominciare parliamo di ciò che ci occorre, tutto il materiale di qui parleremo e' facilmente reperibile in qualsiasi negozio di Snowboard che si possa definire tale alcuni articoli addirittura in ferramenta tanto risparmiare degli eurini...
Per una buona riuscita abbiamo bisogno di:
solvente per sciolina,
una spatola,
una lima a grana fina,
una pietra per lamine,
tiralamine,
sciolina (a caldo),
ferro da stiro per sciolina,
candelette (nere o trasparenti a seconda del colore della soletta),
una spugna abrasiva.

Oltre questo abbiamo bisogno di un buon piano di lavoro (se avete una ventosa per la tavola meglio ancora).

PREPARAZIONE:
Prima di tutto smontiamo gli attacchi in quanto dovremo tenere la tavola capovolta, segnatevi gli angoli e i buchi prima di smontare gli attacchi...

PULIZIA:
Per rimovere la sciolina vecchia usiamo il solvente per scioline (o diluente nitro reperibile in mesticheria,nel caso OCCHIO alla vernice della grafica!!), ne versiamo un po' sulla tavola, quindi con un pezzo di carta lo spargiamo bene sulla superficie della soletta, quindi lo lasciamo agire per 1 o 2 minuti.
Prendiamo ora la spatola e iniziamo a togliere la sciolina che si e' cosi' staccata.
Facciamo 4 o 5 passaggi, poi asciughiamo quello che rimane con dell'altra carta. Una volta che è perfettamente asciutta, passiamo anche con la spugna abrasiva un paio di volte, quindi puliamo la soletta ancora con della carta. A questo punto la soletta dovrebbe essere pulita, se ancora non lo e' vuol dire che dovevate fare questo lavoro molto tempo fa... comunque ripetete questo passaggio...

RIPARAZIONE:
Ora diamo uno sguardo alla soletta... se la superfice si presenta perfettamente liscia e senza solchi, probabilmente non state pulendo la vostra tavola.... Se invece e' la vostra tavola vuol dire che non ha bisogno di essere riparata passate al punto successivo.... Se invece ci sono dei solchi o graffi piuttosto consistenti allora procediamo alla riparazione. Per prima cosa puliamo bene i solchi in modo da non lasciare impurita' all'interno, con un taglierino o con una lama ben affilata eliminiamo le eventuali bave di soletta, quindi con le candele per riparazioni, iniziamo il lavoro. Per prima cosa bisogna accenderle, e qui sorge un grosso problema, se usiamo l'accendino, poi la candela colera' anche delle parti nero fumo che rovinano l'estetica della soletta, il miglior modo è o di usare un piccolo saldatore a gas, oppure accendere una candela di cera, portare la candeletta per riparazioni a circa 1 cm dalla punta della fiamma, ed aspettare che si accenda. A questo punto coliamo il materiale che si stà sciogliendo sui buchi.
Lasciamo che si solidifichi, quindi togliamo il materiale in eccesso con una spatola, stando attenti a tenerla orizzontale sulla soletta, in modo da non creare ulteriori buchi.
Prendiamo ora una spatola di plastica, e tenendola inclinata, lisciamo bene la soletta, Se il lavoro è fatto bene, le riparazioni si noteranno appena. Personalmente preferisco questo sistema piuttosto che quello usato nei laboratori,dove la soletta viena spianata con macchinari che eliminano si i graffi e le botte ma asportano anche delle belle quantità di soletta riducendo gli anni di vita della vostra board...tanto poi ve ne vendono un altra..

LAMINE:
Ora e' arrivato il momento di dare una controllata anche alle lamine, mi raccomando di non esagerare, poiche' non serve tirare le lamine spesso, anzi e' piu' dannoso che utile. Una o due volte all'anno va benissimo se fatto bene, se proprio non potete farne a meno ogni tanto durante l'anno date una passatina con la pietra per le lamine. Per la manutenzione annuale invece potete procedere come segue, impostate l'angolazione del tiralamine all'angolazione che preferite, 90° per la norma, meno se volete una tavola che sia un po' piu' aggressiva...
Passiamo prima una lima sottile sulle lamine sotto, facciamo 3 o 4 passaggi tenendo la lima piatta in direzione punta-coda, mai viceversa! Se avete paura di rovinare la soletta, un giro di nastro sulla parte della lima che tocca la soletta, vi metterà al riparo da eventuali graffi. Già che ci siamo, un paio di passate fatele anche con la pietra. Passiamo ora alle lamine di fianco: prendiamo il tiralamine e facciamo 3 o 4 passaggi sempre in direzione punta-coda (controllate le lime del tiralamine c'e' una freccia che indica il verso), decisi, senza fermarsi a metà....
bisogna cercare di mantenere la stessa pressione per tutta la lunghezza della lamina. Il numero dei passaggi da fare varia in funzione dello stato delle lamine, diciamo che 4 o 5 passaggi sono al norma.
Fatto questo, si passa il dito sullo spigolo, se la lamina non e' buona ripetiamo i passaggi sopra fino a quando ci riterremo soddisfatti. Dopodiche' via con altri 2 o 3 passaggi con la pietra.
Per finire, con una gomma abrasiva, bisogna togliere un pò di filo in punta e in coda, per rendere la tavola progressiva. Appoggiamo la gomma sullo spigolo, e procedendo dalla punta e dalla coda verso il centro, alleggeriamo progressivamente la pressione, fino ad arrivare a pressione nulla. In genere, la massima pressione la mettete in punta e in coda, già dopo 15 cm verso il centro, dovrete avere quasi totalmente sollevato la gomma dallo spigolo. Dimenticavo una cosa molto importante, dopo ogni passata con la lima, pulite la soletta, altrimenti rischiate di rovinarla con le scorie di ferro che vi si depositano.

SCIOLINATURA:
Siamo finalmente arrivati alle fasi finali, se abbiamo proceduto bene fino ad ora, stiamo per avere una tavola finalmente in ordine. Prendiamo il ferro da stiro va bene anche quello della nonna,ma assicuratevi che sia vecchio altrimenti non garantisco per la salute delle vostre camicie...la temperatura giusta si ha quando la sciolina cola sulla tavola senza fumare. Per sapere quanta sciolina mettere, vi consiglio di fare cadere delle gocce distanti circa un paio di centimetri l'una dall'altra, fate così 3 righe, 2 esterne e una al centro.
Ora appoggiamo il ferro sulla soletta, e muovetelo in tutte le direzioni, dovete fare in modo che la sciolina si distenda su tutta la superficie della soletta.
NON FERMATEVI MAI CON IL FERRO!!
Tenetelo sempre in movimento, altrimenti rischiate di far staccare la soletta. Una volta che la sciolina e' ben distesa, lasciate riposare la tavola almeno un paio di ore, meglio se una giornata intera, quindi potete passare alla rifinitura. Prendete la spatola, e togliete piu' sciolina possibile, dovete continuare a spatolare finche non viene via piu' nulla. Sembra esagerato, ma vi rimarra' la quantità di sciolina giusta. Finito con la spatola, tocca alla spugna abrasiva, passatela dalla punta all coda almeno 5 o sei volte. Pulite con un pezzo di carta la soletta,mettete la board nella sacca possibilmente non lasciatela mai appoggiata in terra soprattutto sommersa da altra roba per non compromettere il ponte,chiudete tutt altrimenti ve la rubano e buon estate....


COMMENTI

Autore: mizio

L'alcool uccide lentamente... Ma tanto noi un s'ha furia!!

GUARDA ANCHE

Come lavare, asciugare e riparare la muta

Prendersi cura della muta per allungare la vita del neoprene

Una buona muta, soprattutto in inverno, può veramente fare la differenza. Indossare una muta calda ma sufficientemente elastica da lasciare una buona libertà di movimento è importante almeno quanto avere l'attrezzatura giusta. Eppure non sempre ci prendiamo cura delle nostre mute