FACEBOOK | CIAO AREA PERSONALE [ ESCI ]

DESTINAZIONE FUERTEVENTURA

Vale | |

FUERTEVENTURA: COSA VEDERE E FARE

oltre a surf e kitesurf

Fuerteventura: cosa vedere e fare
Fuerteventura: cosa vedere e fare
Fuerteventura: cosa vedere e fare
Fuerteventura: cosa vedere e fare
Fuerteventura: cosa vedere e fare
Fuerteventura: cosa vedere e fare
Fuerteventura: cosa vedere e fare
Fuerteventura: cosa vedere e fare
Fuerteventura: cosa vedere e fare
Fuerteventura: cosa vedere e fare
Fuerteventura: cosa vedere e fare
Fuerteventura: cosa vedere e fare
Fuerteventura: cosa vedere e fare
Fuerteventura: cosa vedere e fare

Stai per partire per un surf trip o un kitesurf trip a Fuerteventura? Ottimo! Ma fra una sessione di surf ed una di kitesurf, perchè non approfittarne per visitare un po' l'isola? A Fuerteventura il surf ed il kitesurf dominano decisamente qualsiasi elenco di cose da fare sull'isola, e durante una vacanza è facile trovare condizioni adatte ad andare in mare ogni giorno, sia che facciate surf, che kitesurf, tuttavia fra una sessione e l'altra potreste aver bisogno di riposare un po' i muscoli e potreste aver voglia di guardarvi anche un po' intorno esplorando quest'isola selvaggia, magari anche soltanto per accontentare eventuali accompagnatori non surfisti che potrebbero voler vedere qualcosa di diverso dai soliti spot!

piscina

Ecco allora un elenco delle 8 cose che non ti puoi perdere a Fuerteventura: tutto quel che merita vedere e fare assolutamente durante una vacanza a Fuerteventura, scelte fra le mie preferite, fuori dall'acqua

1. La North Shore

In testa a qualsiasi classifica delle cose da vedere, e da fare, a Fuerteventura c'è per me tutta la costa nord dell'isola, da raggiungere attraverso la lunga stradina sterrata che costeggia il mare. Da Corralejo al Cotillo si concentrano alcuni dei paesaggi più belli e selvaggi di Fuerteventura: spiagge bianchissime ed acqua turchese che sembrano uscite da una cartolina dei caraibi si alternano al nero della lava e ad alcune delle migliori onde delle isole Canarie. Niente bar, nè case, nè resort. Soltanto sabbia, mare, lava, sole, qualche sporadica azienda agricola e qualche baracca di pescatori. Qualsiasi surfista che si rispetti conosce questo tratto dell'isola come le sue tasche, perchè qui si concentrano la maggioranza degli spot, mentre chi non viene a Fuerteventura per il surf spesso si perde proprio questi scorci, che invece vi consiglio di esplorare in lungo ed in largo. La strada sterrata non è eccessivamente accidentata e si riesce a percorrere con qualsiasi auto, anche se ogni tanto qualche buca più profonda c'è e comunque è importante fare molta attenzione perchè rompere la coppa dell'olio qui è davvero frequente (anche a noi è successo un paio di anni fa).
Partendo da Corralejo, direzione Cotillo, il primo tratto di strada sterrata costeggia numerosi spot di surf, fra cui Caletta Inside (molto frequentato anche dalle scuole). Qui si trova anche la curiosa spiaggia Pop Corn, una spiaggetta con resti di corallo bianco che sembrano veramente pop corn!


Proseguendo sulla strada sterrata si raggiunge la spiaggia di Majanicho. Il paesino di Majanicho è composto da qualche casetta di pescatori che si affaccia su una piccola baia. Qui si trovano alcuni picchi molto frequentati sia da principianti che da esperti, oltre che da qualche kitesurf quando le condizioni sono favorevoli.
Oltrepassato Majanicho si prosegue in direzione Cotillo. Qui i primi spot che si incontrano sono la Derecha ed El Hierro, le due onde più famose di Fuerteventura, entrambe di livello world class, poi ancora spiaggette e insenature, qualcuna di lava nerissima, qualcuna di sabbia bianchissima, fino ad arrivare a Los Charcos in prossimità del faro del Toston. Si tratta di alcune lagune di acqua azzurra e limpidissima, circondate da una sabbia così bianca e fine da sembrare borotalco e punteggiare dalla lava nerissima. Sullo sfondo si staglia il faro del Toston del suo rosso brillante. Le lagune sono in genere poco frequentate dai turisti ma sono veramente ideali per i bambini più piccoli, anche perchè l'acqua qui è sempre più calda. Con l'alta marea sono grandi a sufficienza da riempirsi di kitesurf, ed infatti il nostro amico Lorenzo fa i suoi corsi proprio qua (clicca qui se vuoi contattare la scuola Tarponsbay di Lorenzo).

2. El Cotillo

El Cotillo è una piccola cittadina, una volta abitata prevalentemente da pescatori, ancora abbastanza lontana dal turismo di massa che ha invaso buona parte di Fuerteventura, nonostante trovi in uno degli angoli più suggestivi di Fuerteventura, vicinissimo ad alcune spiagge da cartolina come La Concha ed al centro di svariati sentieri sterrati che portano sia verso la North shore che verso ovest. 
A me piace molto venire qui la sera a cena, mangiare qualcosa in uno dei ristorantini di pesce e poi fare due passi a piedi fino al porticciolo (La Marisma e La Vaca Azul sono i miei preferiti). 


Ma la vera attrazione del Cotillo è la lunga spiaggia che si raggiunge proseguendo ad ovest subito fuori dal paese. Una strada sterrata la costeggia dall'alto delle scogliere che la delimitano. Un luogo suggestivo e selvaggio popolato da surfisti e kitesurfisti capace di offrire panorami mozzafiato, soprattutto al tramonto.   

3. Esquinzo

Fuerteventura è l'isola delle spiagge. Qui ne potete trovare veramente per tutti i gusti, di tutti i colori e di tutte le dimensioni e citarne una fra tante è davvero difficile, però ho scelto di inserire in questa lista la spiaggia di Esquinzo perchè è una delle mie preferite. Esquinzo è una caletta che si raggiunge in circa 10 minuti di strada sterrada dal Cotillo dirigendosi verso ovest. Una pista in terra battuta in un paesaggio desertico ai confini del mondo. Arrivati a Esquinzo si parcheggia in alto, sulla scogliera che sovrasta la caletta. La discesa e la salita sono un po' faticose ma ne vale la pena. Dall'alto quel che impressiona sono i colori: l'oro della sabbia e le mille tonalità di turchese dell'oceano, quasi sempre interrotto da destre e sinistre lunghissime. Qui difficilmente c'è affollamento, ma se arrivate il mattino presto è facile trovare qualcuno che fa yoga dopo aver dormito in tenda sulla spiaggia. Un piccolo paradiso tranquillo lontano da tutto. Se vi trovate a Fuerteventura per fare kitesurf e chi vi accompagna vi chiede un po' di tregua dal vento, questa può essere un'ottima opzione perchè la spiaggia è ben riparata. 
Se invece vi trovate a Fuerteventura per un surf trip sappiate che Esquinzo è anche un eccellente spot capace di offrire condizioni veramente varie a seconda dello swell: dalle piccole onde morbide adatte ai longboard, fino alle barre veloci ed alte ben sopra la testa, con sezioni tubanti.
Nota: da non confondere con la località omonima vicino alla spiaggia di Sotavento.

4. Le Dune di Corralejo (e Flag beach)

Il parco naturale de las Dunas poco a sud di Corralejo è forse uno dei luoghi più famosi di Fuerteventura: un parco Naturale di un paio di km di larghezza per 10 di lunghezza, che ospita le dune di sabbia più grandi delle isole canarie. Paercheggiando la macchina lungo l'autostrada FV1 che le costeggia, è possibile addentrarvisi a piedi e salire sulla sommità dalla quale si ha una meravogliosa vista sulla famosa spiaggia Flag Beach (l'immensa spiaggia a sud di Corralejo che è parte del parco stesso oltre che uno dei più celebri kite spot delle isole canarie e non solo) e sull'isoletta di Lobos che si trova poco distante. Il punto migliore per parcheggiare è all'altezza della spiaggia di El Burro. Il mio consiglio è di visitarle poco prima del tramonto, scegliendo possibilmente un momento in cui non siano invase dagli stormi di turisti che vengono portati qui continuamente con i grossi bus turistici da ogni hotel dell'isola.
Una volta sulla sommità prendetevi un momento per ammirare il paesaggio, poi... rotolate giù come bambini!

5. Isla de Lobos

 

L'isoletta di Lobos è una piccola isola disabitata di appena 4,5km quadrati poco al largo di Corralejo. Se fai surf sicuramente la conosci perchè è qui che si forma la destra più lunga di tutte le isole Canarie e probabilmente d'europa... ma non parlerò adesso visto che avevo promesso di elencare cose da fare fuori dall'acqua
L'isoletta di Lobos si può raggiungere in 15 minuti di traversata con i traghetti di linea che partono regolarmente dal porto di Corralejo, oppure con un water taxi (spesso preferito dai surfisti perchè evita la camminata di circa 40 minuti dal porticciolo al picco). Ovviamente non si può portare l'auto sull'isola, ma eventualmente potete portare con voi una bicicletta. Sull'isoletta non c'è elettricità, niente bar o altro, solo un piccolo ristorantino nella zona del porto, per cui portate con voi tutto quel che vi serve per una giornata al mare. Una volta sbarcati si possono esplorare i dintorni a piedi percorrendo il sentiero di circa 7km che copre tutta la circonferenza dell'isola. Una volta visitate le vecchie saline, il faro ed i resti dell'antico abitato ci si può rilassare nelle acque cristalline che circondano l'isola. La meravigliosa spiaggia della Concha è senz'altro la più famosa, ma a Lobos sono famose anche le lagune di acqua cristallina, praticamente delle piscine naturali. Ideali anche se fate un salto qui con bimbi piccoli.  

6. Arrampicata sportiva

Se pensate che a Fuertevenuta vi potete divertire solo in mare, vi state sbagliando. Certo surf, kitesurf e sup sono gli sport più comuni sull'isola, ma non sono gli unici. La mountain bike è molto diffusa, così come running e trail (basta guardarsi intorno per capire il perchè), ma anche l'arrampicata sportiva è molto praticata. Certo se si pensa all'arrampicata alle Canarie le prime destinazioni che vengono in mente sono Tenerife e Gran Canaria, ma nonostante Fuerteventura sia perlopiù pianeggiante, anche qui ci sono diverse possibilità di arrampicarsi.  Fra le due piccole cittadine di Pájara e Ajuy, nel centro dell'isola di Fuerteventura, Barranco de las Peñitas è un rinomato centro per il Bouldering con formazioni granitiche che offrono vie dalla 4 alla 7b+ quindi veramente per tutti i gusti. Oltre ai Boulder è anche possibile scalare vie nei pressi di Ajuyu dove si trovano circa 30 vie di differenti gradi di difficoltà ed un’altezza massima di 40 metri. 
Certo portare con sè l'attrezzatura da arrampicata, oltre alle tavole da surf, può non essere semplice... ma è possibile rivolgersi alla scuola del luogo Climbing-Fuerteventura per noleggiare il tutto o prenotare un corso se si è alle prime armi (La trovate su Fb cliccando qui)

7. Jandia e Sotavento

La penisola di Jandia costituisce la punta meridionale di Fuerteventura e si estende a sud della famosa spiaggia di Sotavento (l'altro celebre spot di kitesurf di fuerteventura, insieme a Flag beach nel nord dell'isola). Sotavento è in realtà un insieme di varie spiagge che si estende per oltre 9 km formando una lunghissima distesa di sabbia bianchissima che si tuffa nell'oceano e che cambia completamente il suo aspetto a seconda delle maree che regolano le immense lagune che qui si formano ogni giorno. Un paradiso da cartolina con statistiche di vento allucinanti, più adatto al kitesurf che al relax in spiaggia... per  nostra fortuna!

8. Escursione a Lanzarote

Le due isole sono così vicine che è veramente facile visitarle entrambe durante una vacanza, anche breve. Ci sono due compagnie che operano collegamenti regolari fra Corralejo e Playa Blanca a Lanzarote. Il costo di andata e ritorno per 2 persone ed un'auto si aggira sulle 100€ e la traversata dura circa mezz'ora. 
Una volta arrivati a Lanzarote il mio consiglio è di avventurarsi verso Yaiza e poi attraversare il parco naturale dei Vulcani, poi puntare a nord verso la Santa dove potete fermarvi ad ammirare gli spot del Quemao e della Santa. Da qui in pochi minuti si raggiunge Famara dove potete fermarvi per pranzo o per godervi la spiaggia. Al ritorno è possibile prendere la strada del vino che passa dalla Geria ed approfittare per assaggiare il vino nelle cantine locali, proprio per l'ora dell'aperitivo.

AUTO a noleggio: consigli

Per esplorare Fuerteventura consiglio vivamente un'auto a noleggio, tanto più che qui si può noleggiare un'auto con prezzi davvero bassi (circa 70€ a settimana per farvi un'idea).
Le compagnie locali sono, nella mia esperienza, affidabili e sicure, oltre che più convenienti. Io mi sono sempre rivolta a Autoreisen oppure Cabrera Medina e non ho mai avuto problemi. Inoltre il secondo guidatore e il seggiolino per bambini sono gratuiti e inclusi nel prezzo del vostro noleggio. 

Fate solo attenzione sullo sterrato ed in generale ai danni al "sotto" dell'auto perchè difficilmente l'assicurazione vi coprirà se rompete la coppa dell'olio se siete andati in fuoristrada.

Se avete in mente un'escursione a Lanzarote sappiate che molte compagnie di noleggio non lo permettono (la vostra auto non sarà assicurata se la portate su un'altra isola). Se avete intenzione di fare questa escursione informatevi con la compagnia di noleggio. Fra le due che ho citato Cabrera medina lo permette, autoreisen in genere no.

   

COMMENTI

Autore: Vale

NEWSLETTER

controllo se ci sono attività collegabili

LEGGI ANCHE...

MERCATINO

CONTATTACI