KITE ONE OCEAN RODEO 12 MQ

Finalmente ho potuto provare bene il nuovo bow Ocean Rodeo, partiamo comunque dalla descrizione del kite per quanto riguarda la finitura e la costruzione.
Nella sacca troviamo la pompa con tubo in alluminio, la barra con il suo sacchetto il kit riparazione la brugola di cui vedremo l’utilizzo in seguito e naturalmente l’ala che si presenta con la solita costruzione Ocean Rodeo, molto curata nei particolari e nelle finiture, abbiamo notato i numerosi rinforzi disposti nei punti di maggior stress la valvole sono dotate del collaudato sistema di sgonfiaggio mediante linguetta in plastica il sistema di briglie è molto semplice c’è solo una carrucola per parte posizionata sulla leading edge che serve per distribuire i comandi provenienti dalla barra, i terminali delle briglie sono divisi e collocati negli appositi velcri posizionati sulla leading, questo sistema serve per non far sì che le briglie si intreccino quanto si ripone il kite nella sacca.
Il collegamento della linee avviane come un C kite classico bisogna solo fare attenzione che i due terminali della briglie non siano attorcigliati su se stessi. La barra si presenta con la stessa struttura di costruzione della barra classica Ocean Rodeo, però alcune differenze si notano subito, la presenza di un rinforzo in teflon all’interno del foro della barra in cui passano 3 cavi, 2 + grandi per la regolazione delle front line che avviene mediante uno strozza-scotte posto sul cichen loop e l’altro piu’ piccolo per il ripristino della sicurezza, che viene attivata con la spinta della barra verso il kite sull’attacco delle front e postao una girella che evita l’attorcigliamento delle linee che sono da 21 metri + 3 metri di per linea.
Un consiglio, prima di usare il kite per la prima volta stringere la brugola presente sul cilindro di teflon posizionato sopra la barra.

Veniamo ora alla prova in volo:
Il decollo avviene come un classico kite, l’ala sale molto tranquilla posizionandosi subito a bordo finestra non cerca mai di passarti sopra la testa pur cercando sempre il vento. Il One e molto stabile in volo ed e quasi impossibile farlo stallare, sulla barra risulta molto leggero, “ricorda molto l’Air Blast Wipika con le briglie”.
Si pilota benissimo anche con la barra in battuta alta, ma appena si tira si sente subito quanto essere potente pur avendo una misura intermedia, abbiamo provato in tutta sicurezza a farli compire dei kite-loop in spiaggia l’ala rimane a centro finestra e quindi non tira quasi niente, con un loop completo ho lasciato una strisciata sulla sabbia con i piedi cortissima di circa 2 metri.
In acqua la cosa che colpisce subito e la tranquillità con cui gestisce le raffiche, che non vengono quasi percepite sulla barra si sente solo che si accelera o si rallenta la velocità della tavola, per quanto riguarda i salti la tecnica è un pochino diversa quindi per sfruttarla al meglio bisogna uscire almeno un paio di volte, posso solo dirvi che lo stacco e molto dolce non esplosivo e si galleggia in aria molto di piu’ che con un C kite.
Per quanto riguarda la ripartenza vi farò sapere appena mi cadrà in acqua, “farlo apposta in questo spot è un po’ rischioso”

http://www.oceanrodeo.com


COMMENTI

Autore: Vale

Ho incontrato il kitesurf nel 2002 ed è subito stato amore. Qualche anno dopo mi sono avvicinata anche al surf. Quando sono in acqua sono felice e se sei su questo sito probabilmente sai già di cosa sto parlando. Ci vediamo in acqua.