• sicurezza.jpg
    sicurezza.jpg

KITESURF E SICUREZZA

10 consigli da leggere e rileggere

Ogni anno sono numerosi gli incidenti nel Kitesurf e purtroppo alcuni sono mortali. La maggioranza è causata dall'inosservanza delle più basilari norme di sicurezza o dalla inesperienza o dalla sottovalutazione delle condizioni meteo e parallelamente dalla sopravvalutazione delle proprie capacità. Per questo, all’avvicinarsi della stagione estiva proponiamo un breve ripasso per tutti: esperti e principianti… perché certe cose non vengono mai ripetute abbastanza!

Il corso di kitesurf

Iniziare con un corso di kitesurf tenuto da un istruttore federale o comunque di provate capacità didattiche. Le lezioni costano ma razionalizzano e migliorano i tempi di apprendimento garantendo il massimo della sicurezza per sé stessi e per le persone nelle vicinanze.

Dotazioni di sicurezza

Utilizzate dotazioni di sicurezza quali caschetto, giubbotto galleggiante e di tipo impact per proteggere anche dagli impatti più violenti, ed infine un coltellino ad uncino per qualsiasi evenienza. Oggi ormai tutte le vele integrano sistemi di sgancio rapido, verificatene il funzionamento periodicamente e provatelo per prenderci confidenza. Per quanto riguarda il laccio (leash) per la tavola, meglio NON usarlo. E' vero che può essere utile per non perderla e per evitare che finisca in testa ad altri, ma ricordate che con il leash l’uso del casco diventa ancor più fondamentale. Nel caso di cadute infatti, la tavola legata tende a tornare velocemente verso il kiters ed a colpirlo nella parte che affiora dall’acqua (solitamente la testa)… quindi occhio!

Le distanze

Distanze di sicurezza: non lanciare il kite o surfare in prossimità di ostacoli che stanno a meno di 50 metri nella direzione del vento, come la spiaggia stessa, barche e scogli.

Non provate neppure a sollevare l’ala senza un sistema di sicurezza che permetta di abbatterla rapidamente in caso di emergenza. Collegate sempre la cima di sicurezza tra voi e il kite. Non vincolatevi in modo definitivo all’ala; in caso di estremo pericolo dovete essere in grado di abbandonare l’attrezzatura. Non toccate mai le linee quando sono in tensione perchè sono estremamente taglienti e possono facilmente recidere le dita di una mano.

Check materiali

Controllate sempre e con cura tutti i materiali e meccanismi che utilizzate per il kitesurf. Sostituite qualsiasi meccanismo difettoso prima di alzare il vostro kite. Alcuni modelli di barra di controllo montano un meccanismo che permette il blocco della stessa in posizione di massima trazione del kite: non usatelo a meno che non siate veramente esperti! Se vi vincolate alle linee del kite con uno sgancio rapido, verificate che la sabbia non possa bloccarlo o che non possa rimanere incastrato nel gancio del trapezio.Tutte le nuove barre sono dotate di sistemi adeguati, ma devono comunque essere mantenuti efficienti.

Come "parcheggiare" il kite

Aspettando il vento: quando il kite è gonfio ma non è utilizzato staccate le linee e bloccatelo con la sabbia o con qualcosa di pesante… molto pesante. Un kite gonfiato vola anche senza pilota, perciò ricordatevi di chi vi sta intorno e bloccate bene il kite. Il vostro kite può causare gravi infortuni, se decolla all’improvviso.

Il meteo

Verificate attentamente le condizioni del tempo attraverso la consultazione di previsioni e un buon anemometro. Non dimenticate mai di verificare e valutare con attenzione i cambiamenti del tempo durante la vostra sessione. Le condizioni non devono prevedere temporali o burrasche, eccessi di salti di intensità del vento che deve comunque essere di intensità adeguata alle proprie capacità tecniche e dell’attrezzatura che utilizzate. Non alzate il kite se il vento soffia perpendicolare alla spiaggia (on shore o peggio off shore): sebbene sia possibile surfare in queste condizioni il rischio di incidenti aumenta. Rispettare i rapporti suggeriti dal costruttore tra superfice del kite ed intensità del vento, tenendo sempre in considerazione le proprie capacità di controllo in acqua e finché non acquisirete una certa esperienza non usate il kite con più di 20 nodi di vento.

L'assistente

Fatevi assistere da una persona esperta durante il lancio e l'atterraggio del kite, in modo che le vostre segnalazioni possano essere interpretate nel modo corretto.

Decollo: far decollare e mantenere il kite basso nella direzione del mare per evitare sollevamenti, cercando di prendere il largo il più velocemente possibile. L'errore più comune è portare subito l'ala allo zenit appena decollata: il rischio è di essere sollevati da folate di vento in quota e da quella posizione non si può eseguire nessuna manovra di recupero. Non giocare in spiaggia e non saltare in prossimità della spiaggia, perchè atterrare dopo una manovra sbagliata sulla sabbia non solo non è piacevole ma è estremamente pericoloso.

Precedenze

Precedenze. La regola generale dice che la precedenza è di chi ha le mure a destra. Abbiamo le mure a destra quando la mano davanti sul boma, nel senso di marcia è la destra. Quando i kiter sono l'uno di fronte l'altro: quello sopravvento solleva il kite quello sottovento lo abbassa Quando due kiter procedono nella stessa direzione: quello sopravvento dà la precedenza a quello sottovento che non può vedere alle spalle, sollevando il kite e rallentando Quando incrociamo altri naviganti (windsurf, kitesurf, barche a vela): se abbiamo le mure a destra abbiamo anche la precedenza; ma è comunque preferibile, dare la precedenza sollevando il kite, ed eventualmente fermarsi per evitare qualsiasi inconveniente. Ricordate sempre che due kite “annodati” tra di loro sviluppano una potenza incontrollabile che potrebbe provocare gravi conseguenze. Se vedete una kitesurfer in difficoltà non esitate a prestargli soccorso o ad attirare l’attenzione delle persone che possono dare aiuto. Considerate sempre che il cattivo comportamento di un altro kitesurfer può mettere a repentaglio anche la vostra sicurezza; andate con i vostri amici e cercate di convincerlo ad applicare le vostre stesse misure di sicurezza e se ciò non bastasse fate di tutto per allontanarlo dalla spiaggia.

Regolamenti delle Capitanerie di porto

A queste norme che potremmo definire di buon senso si aggiunge la regolamentazione della capitaneria di porto di cui riportiamo i punti fondamentali: Ai Kitesurf è vietato:

Navigare all’interno dei porti, nelle zone di mare destinate all’ancoraggio e partenza delle navi e lungo le rotte di accesso alle medesime;

Navigare in zone frequentate dai bagnanti (zone di mare riservate alla balneazione);

Navigare nella zona di mare vietata alla balneazione;

Avvicinarsi a meno di metri 50 dai galleggianti che segnalano la presenza di subacquei;

Lasciare il kite incustodito senza scollegare almeno un lato dell’ala, riavvolgendo completamente i cavi sul boma. Nelle zone di mare riservate alla balneazione l’atterraggio e la partenza dei Kitesurf devono avvenire all’interno di appositi corridoi di lancio autorizzati Nei corridoi la partenza ed il rientro devono avvenire con la tecnica del Body Drag (farsi trascinare dall’aquilone con il corpo in acqua fino ad una distanza di 100 mt. dalla battigia); Nei 100 metri sopraccitati è consentito il transito di un KITESURF per volta, con diritto di precedenza ai mezzi in rientro; L’uso del corridoio è libero e gratuito All’interno dei corridoi è tassativamente vietata la balneazione.

Per finire ricordate sempre che un po' di buon senso non guasta mai e può evitare pericolosi incidenti. In estate, con le spiagge affollate, le attenzioni devono essere ancora maggiori affinchè il divertimento di qualcuno non rechi seri danni agli altri bagnanti che possono avvicinarsi a voi ignari del pericolo... sta a voi restare alla larga! Per maggiori dettagli sulle normative si rimanda al sito della federazione italiana kite ed ai siti delle capitanerie di porto


COMMENTI

Autore: Vale

Ho incontrato il kitesurf nel 2002 ed è subito stato amore. Qualche anno dopo mi sono avvicinata anche al surf. Quando sono in acqua sono felice e se sei su questo sito probabilmente sai già di cosa sto parlando. Ci vediamo in acqua.

GUARDA ANCHE

Incidenti con il kitesurf

10 regole di sicurezza

Troppi incidenti con il kitesurf? Il kitesurf è troppo pericoloso? Il kitesurfing è uno sport estremo?Sono domande che risuonano nel web in questo periodo perchè purtroppo non è un buon periodo per gli incidenti con il kitesurf. Negli ultimi mesi si sono susseguiti parecchi

SCARICA APP