KITESURF STRAPLESS: VIDEO TUTORIAL

5 modi per cambiare direzione con strambata e virata

Upwind Tack, backroll tack, jibe toeside e hellside, ... di cosa sto parlando? Di strambata, virata e simili con il vostro surfino da kitesurf, ovviamente. Di modi per cambiare direzione con una tavola direzionale da kitesurf ce ne sono diversi, dai più semplici e basici ai più complessi. Se vi state avvicinando al kitesurf con una tavola direzionale, magari strapless, la prima cosa da fare è conoscerli tutti ed impararli, perchè è assolutamente il momento di superare la fase del "torno indietro in toe side, quindi ho sempre lo stesso piede davanti", per non parlare di chi "quando arrivo in fondo al bordo mi butto in acqua, giro la tavola e riparto", 

Sembra incredibile ma ci sono davvero molti modi per cambiare bordo e soprattutto c'è sempre tanta confusione in chi si avvicina ad un surfino, tanto che le domande più frequenti dei principianti sono sempre: "come faccio a girare"? "Devo cambiare i piedi quando cambio bordo?" Ma i piedi li devo cambiare prima o dopo la curva?

Andiamo con ordine e cominciamo con il modo più semplice per cambiare bordo (mura) la strambata.

1. STRAMBATA E CAMBIO PIEDI

La strambata è senza dubbio il modo più semplice per cambiare mura con il tuo surfino da kitesurf. In pratica la strambata (chiamata anche virata di poppa) è un cambio di mure effettuato passando con la poppa a favore del vento e invertendo la direzione del kite. Dopo aver eseguito la curva ci si ritrova in toeside, per cui sarà necessario cambiare i piedi.

Per chi ha familiarità con i nomi inglesi di manovre ed andature si tratta di un heelside to toeside gybe con successivo footswap

Questo video mostra molto bene la tecnica:

 

Consigli:

Soprattutto all'inizio è frequente perdere trazione e affondare all'uscita della curva. Per ovviare a questo stringete leggermente prima di entrare nella carvata. Inoltre il timing con la vela è fondamentale: la vela deve anticipare la carvata, non seguirla.

2. CAMBIO PIEDI E STRAMBATA

Una possibilità diversa, che in molti trovano anche più semplice, è cambiare i piedi prima di cambiare mura. In questo modo ci si trova ad approntare la carvata in toeside, uscendo con il piede "giusto" dalla strambata. Ecco un video che mostra come fare.

A parte il timing del cambio piedi, che in questo caso avviene prima e non dopo, non ci sono altre differenze importanti. Entrambe le varianti sono importanti e utili da imparare, anche perchè molti si trovano bene ad eseguire il cambio piedi dopo la strambata quando navigano con il piede dominante davanti, mentre preferiscono cambiare i piedi prima quando navigano con l'altro piede avanti. 

IL CAMBIO PIEDI

In entrambi i casi il cambio piedi è il momento più delicato per tutti i principianti. Molti lo affrontano direttamente con un solo movimento, alcuni addirittura con il salto. Certo un cambio piedi veloce e deciso è l'obiettivo da raggiungere, ma per le prime volte non abbiate paura a procedere a piccoli passi, letteralmente.

Il consiglio è di non perdere mai il contatto con la tavola. Evitate il cambio piedi al volo all'inizio. 
Cercate piuttosto di farlo lentamente. Avvicinate il piede posteriore a quello anteriore e successivamente portate il piede anteriore dietro. Aiutatevi facendovi sostenere dalla vela e mantenendo un po' di velocità per stabilizzare la tavola sotto ai piedi.
Ecco un video che mostra bene questi passaggi.

 

3. STRAMBATA CON DOWNLOOP

Non tutti sono a proprio agio con i kiteloop... ma vi assicuro che un downloop, soprattutto in fase di strambata, non ha niente di spaventoso o pericoloso, anzi può essere un validissimo aiuto per chi esce sempre con troppa poca velocità dalla curva e tende ad affondare. Il downloop fornisce quella potenza extra necessaria per affrontare con maggior velocità la strambata, anche in condizioni di vento leggero. 

La cosa importante è farlo con decisione, senza ripensamenti a metà. E ricordarsi che più il kite gira stretto e veloce, minore è la potenza che rilascia... quindi se pensate di farlo piano per iniziare gradualmente, vi state sbagliando!

 

 

4. LA VIRATA

Una volta presa confidenza ed assimilata la strambata ed il cambio piedi, è il momento di passare allo step successivo: la Virata (Tack). 

La virata è il modo di cambiare mura più rapido e che permette di perdere meno acqua, perchè invece che eseguire una caravata mandando la tavola a favore di vento, si invia la prua controvento e si gira, praticamente sul posto. 

La tecnica è piuttosto semplice:

1. stringere forte controvento

2. portare il kite sopra di voi e tirare la barra per sollevarvi quel tanto che basta da alleggerire la pressione sulla tavola

3. calciare con il piede posteriore per far concludere alla tavola un 180° controvento, e reinviare il kite per ripartire, dopo aver cambiato stance

Ecco un bel video dove Airton in persona ci mostra come fare.

 

5. VIRATA BACK ROLL

Aggiungendo alla virata una rotazione del corpo, si ottiene un backroll Tack...

 

Riepilogando

Ancora un video per vedere da una prospettiva diversa queste manovre, eseguite stavolta da Alberto Rondina.

 Buon allenamento!


COMMENTI

Autore: Vale

Ho incontrato il kitesurf nel 2002 ed è subito stato amore. Qualche anno dopo mi sono avvicinata anche al surf. Quando sono in acqua sono felice e se sei su questo sito probabilmente sai già di cosa sto parlando. Ci vediamo in acqua.