MARSA ALAM, MAR ROSSO

Kite trip a gennaio

Il report del kite trip a gennaio 2006 di una coppia di kiters del sito

Io e la mia ragazza (anche lei fa kite) dal 4 all'8 Gennaio 2006 siamo andati a Marsa Alam, alloggiando allo Shams Alam. Ci siamo portati dietro mute e vele e abbiamo fatto kite per 2 giorni al Blue Lagoon da Diego (ex istruttore KSP). Facevamo i pendolari del kite spostandoci dai 2 resort ogni giorno (20 km circa a tratta) con un mezzo dello Shams appositamente affittato. Lo Shams come resort è molto + brutto rispetto al Blue lagoon, ma è anche + economico!. Attualmente KSP è in grado di spuntare tariffe scontate con il tour operator Settemari, quindi se uno ha voglia di andare lì consiglio di rivolgersi a loro o su qualche sito last minute per risparmiare un po' di euro. Al Blue Lagoon trovate il rimessaggio per 30 euro alla settimana e si possono anche affittare vele/tavole all'occorrenza. Il rimessaggio non mi ha ispirato grande sicurezza: mancano porte, lucchetti, insomma qualsiasi dispositivo anti furto, l'attrezzatura è tenuta in un capanno aperto dove tutti i villeggianti in teoria possono accedervi . Per portarvi dietro l'attrezzatura sia che voliate con Blue Panorama che con Euro Fly, vi faranno pagare dai 30 ai 60 euro se denunciate al check in che avete con voi la tavola da kite (c'è chi l'ha fatta passare come una mensola da regalare, imballandola bene dopo aver tolto le straps).
Consiglio: vele in un valigione e tavola, non nella sua sacca, ma camuffata da qualche altro oggetto. Per quanto riguarda lo spot firmo e sottoscrivo quanto viene riportato nel commento del seguente link: www.kitevillage.it L'autrice del commento è la ragazza che ha scritto l'articolo sul numero 24 di Kite magazine STANCE (qui trovate altre delucidazioni e approfondimenti sul tema, vi conviene leggerlo attentamente). L'unica differenza rispetto al commento del link qui sopra è che quando siamo andati noi non c'era bassa marea. Lo spot rimane consigliato sia per chi deve imparare (Diego è un bravissimo istruttore, oltre che una persona seria, disponibile e affidabile) sia per chi è già un po’ + esperto. Chi riesce a tenere una buona bolina non incontrerà sicuramente difficoltà, e la sicurezza è garantita al 100%. Diego ha a disposizione una barca che utilizza sia per le lezioni che per i recuperi dei kiter in difficoltà.

La prossima volta che tornerò a Marsa Alam (poiché una certa sicurezza sul vento d'inverno c'è), vorrei provare ad andare al Tulip Resort, anche se il Blue Lagoon rimane una figata di posto per l'organizzazione, il mangiare e l'animazione (il tutto gestito da italiani).
Al Tulip Resort potete scegliere se uscire direttamente di fronte all'albergo (essendoci la sabbia) o se prendere il transfer (tutto a gratis e pagato dall'albergo) per El Naaba (13 km + a sud) dove c'è la spiaggia di Abu Dabab (vedi il sito di sun and fun http://www.vacanzekitesurf.com) e l'hotel Equinox per intendersi (per capire dov'è sulla cartina vedi www.goredsea.com , marsa alam, map). Lì c'è il centro happy-surf gestito da tedeschi, trovate tutte le info, i video della zona e i prezzi nel sito www.happy-surf.de più a sud di altri 2 km c'è anche la pozza uno spot molto bello a detta di molti. Se il Tulip è pieno andrebbe bene anche l'Elphistone : non so se si può uscire davanti all'hotel ma di sicuro c'è il pulmino che vi porta a El Naaba e Abu Dahab tutto offerto nel pacchetto.

Spiaggia

Al Blue Lagoon, indipendentemente dall'altezza dell'acqua, troverete del corallo morto a riva (scoglio) e rocce appuntite e viscide sia sulla spiaggia che dove si tocca.
Lo spot - pur bellissimo come colpo d'occhio - consentirebbe di uscire più a nord (sopravento), evitando questi inconvenienti, dove finiscono gli ombrelloni e la zona riservata alla balneazione: lì c'è la sabbia. Tuttavia mi ha detto Diego che bisogna fare attenzione lo stesso (soprattutto quando la marea è bassa) perché anche li qualche roccia in mezzo alla sabbia la si trova lo stesso. Sottovento invece, davanti alla scuola, l’acqua è + alta ed è li che normalmente si esce.
Ci vogliono per forza le scarpette (anche se ciò è molto soggettivo) e occhio poi a dove fate atterrare il kite le rocce sono nascoste ma sono dappertutto. Una volta uscito e non tenendo una buona bolina perché sono ancora alle prime armi (ma anche chi era + esperto un po' scarrocciava a causa della forte corrente da nord a sud) mi ritrovavo a dover ritornare alla scuola dovendo camminare con il kite allo zenit sullo scoglio appuntito e reso viscido dalle ondine malefiche che si formano a riva. Non è nemmeno possibile far atterrare il kite una volta scarrocciati +a sud (almeno che non vi segua qualcuno tipo: la mia ragazza e viceversa) perché o trovi la scogliera subito a riva o nei punti dove non è alta c'è la parte di deserto che ahimè è pieno di rocce appuntite e di vetri di bottiglie di birra. Insomma un gran casino. Io stesso ho fatto un taglietto alla mia vela riparato poi con del nastro.

Mare

Occhio alle maree e ai coralli!

Vento

Di solito il vento non manca e ce n'è un po' per tutti i gusti quanto a intensità e direzione Vi servissero altre info rimango a disposizione per ulteriori chiarimenti, contattatemi pure!


COMMENTI

Autore: Kiriku2006