SAPOTOUR: VIAGGI E KITESURF FRA AMICI

Luca Saponiero ci racconta come la sua passione è diventata un lavoro

Andare dove ti porta il vento, vivere con la sabbia sotto i piedi e l'odore del mare sulla pelle, conoscere nuovi amici e condividere con loro l'emozione del kitesurf. E' il sogno nel cassetto di molti, ed il lavoro di pochi fortunati, anche se la fortuna di solito c'entra ben poco con l'impegno e la dedizione necessari a trasformare un sogno in un lavoro. 

Luca Saponiero è una di queste persone, oltre ad essere un carissimo amico conosciuto in spiaggia tanti anni fa. Ecco perchè ci fa davvero piacere condividere questa intervista, dove Luca ci racconta dei suoi progetti attuali e di quelli per il futuro.

 

Ciao Luca vuoi raccontare qualcosa di te a chi non ti conosce?

Ciao mi chiamo Pier Luca Saponiero ma tutti mi chiamano Luca, vivo e sono nato a Genova ed ho 51 anni. Praticavo windsurf dall’età di 13 anni un po' in sardegna e un po' in Liguria, poi quando sono diventato maggiorene mio papà mi ha reso felice regalandomi un Station Volvo 240 bianca: perfetta per caricare tutta l’attrezzatura! A 20 anni ho scoperto uno dei posti più belli per il windsurf, dove? Tarifa in Spagna. Ci sono stato un po di volte (45) ……da lì in poi prima il windsurf e poi il kite dal 1999 sono diventati la mia passione e stile di vita.

Da quanti anni fai kitesurf e da quanto insegni?

Faccio kitesurf dal 1999. Ho lavorato un estate a Tarifa presso una scuola di Kitesurf e ho deciso al mio ritorno in Italia di prendermi l’unico brevetto che esisteva la FKI …. e poi iniziare ad insegnare

Home spot?

Andora ottimo per freeride ma ondoni quando c’è mareggiata

Spot preferito?

Tarifa (vita notturna e kitesurf) e Dakhla (paesaggi e kitesurf )

Condizioni e disciplina preferita?

Le condizioni piu belle sono quelle estreme, quando tanti stanno a terra a guardare. Più il mare è grosso piu ci si diverte, quindi puro wave straplees. Ma amo anche il freestyle, anche se non ho piu l’età per farlo !!!

Ci parli del tuo progetto SAPOTOUR?

Due furgoni con 16 posti a disposizione della nostra scuola per clienti o amici per inseguire il vento. Organizziamo trasferte di uno o piu giorni in settimana o nei week end in base alle previsioni meteo. La mia passsione per la scuola, vivere all’aria aperta cercando di trasmettere agli altri cosa ti dà il kitesurf ha fatto si di creare il Sapotour.

Dovevo trovare un modo per poter fare la mia attività in una regione non troppo fortunata nel vento Lo scopo principale è far scoprire spot sconosciuti, organizzando soprattutto week end ventosi, quindi muovendoci solo su previsione.

Il risultato è che ogni weekend guido un gruppo di kiter portandoli dove ci sono le condizioni migliori. Principianti e avanzati, ragazzi e ragazze, single, famiglie, bambini. Due giorni di kite ma soprattutto divertimento, spiaggia, aperitivi, pizze. E qualche volta non un solo weekend ma una vacanza intera. Il bello sono le amicizie che nascono, l'atmosfera. 

Come ti è venuta questa idea?

L’idea mi è venuta perche la voglia di planare è sempre tanta , e quindi dovevo trovare un modo , nel caso in cui non avessi corsi, per planare il piu possibile , e quindi non c’erà modo migliore creando il Sapotour .

Chi partecipa in genere ai tuoi kitetrip?

Tutti i livelli soprattutto principianti , anche se in futuro mi piacerebbe organizzare Sapotour solo wave…. …chissà se ci riuscirò!!!

Hai girato veramente tanto per inseguire il vento... ci racconti quali sono i posti che hai già visitato, la destinazione migliore o che ti è rimasta più nel cuore e perchè?

Faccio 120mila km all’anno alla ricerca di vento andiamo soprattutto in Francia in quanto la quantità di spot che ci sono e le ottime condizioni e le facili previsioni ci permettono di non sbagliare quasi mai. Qualche volta toscana, Sicilia, Sardegna e Calabria …….. quindi ci mancano parecchi posti !!! La destinazione migliore che accontenta tutti per orà è il Marocco a Dakhla, flat in laguna e onde nell’oceano.

Hai una checklist delle prossime destinazioni?

Le prossime destinazioni sono Dakhla Marocco ai primi di Luglio …. Sicuramente un Tarifa dopo la metà di settembre (è obbligatoria) e poi a me piacerebbe Guadalupe, Colombia, Brasile, kenia, Sud africa, Madagascar, Venezuela e tanti altri posti

Prossimi progetti?

Top secret…………vi stupirò. La mia idea si sta concretizzando proprio in questi giorni grazie ad una nuova collaborazione con 2 grossi negozi di Kite del Nord Italia (Negrinautica di Milano e Jolly sport di Torino). Il mio obiettivo è dare la possibilità ai loro clienti di provare i materiali prima di acquistarli ………..cosichè ciascuno possa comprare cio che gli piace. Un intero week end con noi, con tutti i materiali a disposizione, per provare e scegliere fra i migliori marchi in commercio.

 

Sei riuscito a fare della tua passione un lavoro. Quando hai capito che questa era la strada giusta per te? Quanto è stato difficile ?

Mi piace stare in mezzo alle persone e ogni giorno desidero che sia diverso per quello che ho capito che questo poteva essere il lavoro giusto ………il difficile è stato farglielo capire al papà commercialista……ma dopo tanto ci sono riuscito grazie all’aiuto del primogenito Claudio che ha intrapreso anche lui una strada simile.

Qual'è l'aspetto che ti piace di più del kitesurf? E del tuo lavoro?

L’aspetto che mi piace di piu è conoscere tantissime persone ogni anno a cui nel tempo mi affeziono quindi tanti sono clienti e amici. Il bello del mio lavoro è vivere costantemente la vita da spiaggia e sentire l’odore del mare.

E cosa invece ti piace meno?

Purtroppo vedo tante persone che prendono il kitesurf sottogamba non rendendosi conto della pericolosità che può avere e soprattutto il male che puoi provocare ad altri. Parecchia gente esce da anni e fa errori come se avesse imparato da mesi.

Ormai sono tanti anni che fai kitesurf. Com'è cambiato questo sport dagli inizi ad oggi e in che direzione sta andando secondo te?

Il kite è cambiato in meglio grazie alla tecnologia, ali e soprattutto barre piu sicure. Oggi ci sono molte piu discipline da fare così si riesce ad accontentare tutte le fasce di età: puoi fare straplees, twint tip, Hydrofoil, Freestyle con o senza i boots e altre che ariveranno con il tempo... è tutto un mondo di divertimento in acqua da esplorare!

Ok Luca, ci hai convinto. Prossimo weekend veniamo con te! Promesso.

Per informazioni e per contattare Luca: www.sapotour.com 


COMMENTI

Autore: Vale

Ho incontrato il kitesurf nel 2002 ed è subito stato amore. Qualche anno dopo mi sono avvicinata anche al surf. Quando sono in acqua sono felice e se sei su questo sito probabilmente sai già di cosa sto parlando. Ci vediamo in acqua.

CONTATTACI - RICHIEDI INFORMAZIONI