COME RIPARARE LA TAVOLA DA SURF

o il vostro surfino da kitesurf

Colpi, microfessure, rotture più o meno gravi segnano le nostre tavole da surf. Qualcuna ci ricorda qualche bella uscita, qualcun'altra momenti di ordinaria stupidità... come quella volta che hai appoggiato la tavola su un cespuglio per non sporcarla e non hai pensato che tirava vento.

Quando si tratta di tornare velocemente in acqua, per i piccoli danni possiamo usare i kit di riparazione, come vi abbiamo spiegato anche in questo post Come riparare la tavola da surf in 10 minuti di qualche tempo fa.  

Ma le riparazioni fatte al volo, purtroppo, non sempre sono sufficienti e soprattutto non sono eterne. Sarebbe buona norma sostituire le riparazioni fatte in emergenza non appena avete il tempo di farlo (come adesso...).
Altrimenti il rischio è che si possano verificare infiltrazioni d'acqua o che la toppa possa cedere nel bel mezzo di una vostra uscita.

In questo tutorial ad esempio vi mostriamo come abbiamo sostituito la riparazione di fortuna che avevamo fatto in spiaggia in Portogallo, una volta tornati a casa, e la riparazione alla punta che era stata rotta durante  il viaggio in aereo.

La sostituzione delle riparazioni di fortuna o la riparazione di danni estesi e profondi necessita di riparazioni a regola d'arte che potete fare da soli seguendo i nostri consigli, se avete un po' di dimestichezza con il fai da te, oppure affidando la tavola al vostro surf shop o shaper di fiducia.

1. CONTROLLATE I PUNTI CRITICI

 

Prima di tutto controllate bene tutta la vostra tavola da surf. Pulitela. Togliete la vecchia paraffina e tutte le vecchie riparazioni di fortuna, nastro americano ecc. Se ci sono vecchie riparazioni fatte con kit rapidi, provate a farle saltar via. In ogni caso esaminate ogni punto critico e fate la prova del respiro: appoggiate le labbra sul punto da esaminare e provate a tirare su l'aria. Se sentite che vi arriva un po' di aria, vuol dire che in quel punto c'è una fessura e di sicuro si sarà infiltrata anche un po' di acqua che deve uscire prima di riparare la tavola.

Nella foto qui sopra si vede una vecchia riparazione fatta in spiaggia sulla tavola. Abbiamo quindi tolto la riparazione di fortuna per sostituirla con una definitiva.

2. RIPULITE LE INFILTRAZIONI GRAVI

SOLO nel caso di danni abbastanza gravi, e nel caso in cui avete il sospetto che si sia infiltrata una discreta quantità di acqua salata, cercate di lavar via il sale dall'interno. Per farlo probabilmente avrete bisogno di allargare ancora di pià la fessura, con un po' di carta vetrata. Questo vi deve permettere di riuscire a lavare l'interno con acqua dolce e per facilitare la fuoriuscita dell'acqua salata.
Dirigete un getto di acqua dolce direttamente verso la fessura o lo squarcio nella vostra tavola. L'obiettivo è far entrare dentro l'acqua dolce in modo che possa lavare via il sale.  

3. LASCIATE RESPIRARE LA TAVOLA

Il secondo step importantissimo è prendere le vostre tavole belle pulite e lasciarle repirare. Se ci sono piccole fessure, riparazioni o altro è molto probabile che vedrete uscire dell'acqua dopo un po' di tempo. Bene, lasciatele così per qualche giorno. Meglio se al sole o in casa al caldo perchè in garage al freddo potreste non ottenere grandi risultati. Quando per almeno un paio di giorni consecutivi non vedrete più bollicine e non troverete umidità vuol dire che potete passare alla riparazione.

Attenzione prima di tappare qualsiasi fessura è fondamentale che tutta la tavola all'interno sia asciugata bene. 

4. PREPARIAMO L'OCCORRENTE

Nel nostro caso avevamo una tavola in resina epossidica. La maggior parte delle tavole da surf sono invece in resina poliestere. Vi ricordo che la resina epossidica si può usare anche sulle tavole in poliestere, mentre il contrario assolutamente no.

Per riparare la tavola occorre:

Resina bi-componente (epossidica nel nostro caso) costituita da resina e indurente da utilizzare secondo il rapporto indicato dal produttore (nel nostro caso 100:25).

Polvere di silicio (chiamata anche aereosil) per le stuccature

Fibra di vetro 80/100 gr per mq 

Bilancia, spatolina, carta vetrata. 

Se a casa non avete l'occorrente potete ordinare questo kit su Amazon.

https://www.amazon.it/Phix-Doctor-Super-SAP-Repair/dp/B0083RW3OS/ref=sr_1_8?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=surf+repair&qid=1585318878&s=sports&sr=1-8

5. STUCCATURA

Passate nuovamente un po' di cartavetrata leggera sulla parte che dovete riparare dopodichè procedete alla stuccatura. Per stuccare usate la resina mescolata con un po' di polvere di silicio, fino a raggiungere una consistenza simile a quella dello stucco. Riempite bene la fessura, lisciate con la spatolina e lasciate asciugare. 

Una volta che sarà ben asciutta rifinite rendendola ben liscia con della carta vetrata sottile

Ricordate sempre quando lavorate la resina che necessita di temperature piuttosto alte per indurire correttamente. Se la lavorate all'esterno (ed è sempre consigliabile, considerando che non tutti in garage abbiamo impianti di aspirazione e ricambio dell'aria) fatelo quando le giornate cominciano a scaldare.

6. LAMINAZIONE

Ed eccoci alla fase di laminazione. Mescolate la resina con il catalizzatore, secondo il rapporto indicato sulla confezione. Mi raccomando di essere estremamente precisi, perchè in caso contrario la vostra resina potrebbe non indurire mai o farlo così in fretta da non darvi il tempo di stenderla.
Per completare la riparazione prendiamo un pezzo di tessuto di vetro, più grande della parte che abbiamo stuccato e lo posizioniamo sulla parte da riparare. Naturalmente questo va fatto dopo aver scartavetrato bene tutta l'area che dovrà essere perfettamente liscia. Potete far aderire e fissare la resina con un pennello. Una volta finito lasciate asciugare bene, almeno un giorno.

7. FINITURA

Tagliate via la fibra di vetro in eccesso. Rifinite carteggiando in modo molto leggero con una carta vetrata a grana sottilissima. Se la votra tavola è verniciata potete riverniciarla, altrimenti avete finito il lavoro.

 

Considerazioni

Le riparazioni a nose e tail funzionano esattamente nello stesso modo, solo dovete fare un po' più di attenzione quando stendete la fibra, affinchè non si formino grinze.

In caso di danni molto profondi e molto estesi può essere necessario usare più di un foglio di fibra di vetro. 

Vi sono poi quei casi in cui il danno è così grave, esteso e profondo che diventa necessario ricostruire una parte intera della tavola, inclusa la sua anima... ma ne parleremo un'altra volta!


COMMENTI

Autore: Vale

Ho incontrato il kitesurf nel 2002 ed è subito stato amore. Qualche anno dopo mi sono avvicinata anche al surf. Quando sono in acqua sono felice e se sei su questo sito probabilmente sai già di cosa sto parlando. Ci vediamo in acqua.

GUARDA ANCHE

Come riparare la tavola da surf in 10 minuti

Guida alla riparazione della tavola da surf e kitesurf

Hai rotto o ammaccato la tua amata tavola da surf e stai cercando di capire come fare per ripararla? Prima di tutto niente panico! Le tavole da surf purtroppo si rompono, questo è un dato di fatto, l'importante è riparare la tavola prima di tornare in acqua per evitare che un piccolo bozzetto