SURF E TRASPORTO ATTREZZATURA IN AEREO

Come imballare la tavola da surf

Trasportare tavole da surf in aereo si sa è sempre un'incognita. Fra i sovrapprezzi applicati dalle compagnie aeree alle attrezzature sportive e i danni che spesso riportano le nostre tavole in seguito ai maltrattamenti da parte del personale addetto ai bagali, molti preferiscono partire leggeri e noleggiare la propria tavola da surf sul posto.

Certo il noleggio è un'opzione e non c'è dubbio che molte volte può anche essere conveniente, ma molti di noi non si rassegnano a lasciare a casa la propria tavola, inoltre qualche volta non si è sicuri di trovare dove stiamo andando un buon surfshop con una gamma decente fra cui scegliere oppure il soggiorno sarà lungo e il noleggio verrebbe a costare una piccola fortuna.

Ecco allora una guida e qualche consiglio su come imballare al meglio la tavola da surf e prepararla per il trasporto in aereo.

Prima di iniziare però una breve premessa: le tavole da surf, in particolare se con costruzione in poliestere, sono per loro natura oggetti fragili. In più sono piuttosto ingombranti e le sacche, una volta riempite fino al limite di peso per contenere tutto il nostro quiver, divengono pesanti e difficili da maneggiare per il personale di terra. Aggiungete che presumibilmente i fattorini non sprizzano entusiasmo quando si trovano di fronte i pacchi più pesanti... e il quadro è completo. Purtroppo questa è la realtà. Quello che possiamo fare è imballare meglio che possiamo la nostra attrezzatura, in modo da proteggere la tavola, o le tavole da colpi e danni, dopodichè sperare che arrivi integra a destinazione.

1. Scegli la sacca giusta

Il primo punto è ovviamente scegliere una sacca adeguata per il trasporto delle nostre tavole. Prima di tutto perchè la maggior parte delle compagnie aeree non accetta l'imbarco di tavole che non siano adeguatamente impacchettate, ma soprattutto perchè è alla sacca che spetta in prima istanza il compito di proteggere la vostra surfboard. Scegliete la sacca in modo che la vostra tavola vi stia comodomanente all'interno senza sballottare troppo. Attenzione però che la sacca non sia troppo stretta perchè non vi permetterebbe di utilizzare un po' di imballo extra che non fa mai male. Ovviamente dovete considerare se vi servirà per portare con voi una sola tavola o più di una e quanti accessori dovrà contenere oltre alla tavola. 

Se ad esempio prevedete di portare più di una tavola prendete in considerazione una sacca con ruote che è più facile da trasportare. Se portate più di una tavola prendete in considerazione di portarvi anche una o più sacche singole, di quelle tipo calzino o comunque quella che usate normalmente a casa, per portarvi la tavola in spiaggia una volta a destinazione. Usare la sacca da viaggio infatti può risultare scomodo e in più la sacca leggera vi offrirà una protezione aggiuntiva sia in aereo che durante la vacanza. 

Dovete comprare la sacca e non sapete quale scegliere? Ecco qui alcune delle nostre sacche preferite per il trasporto attrezzatura da kitesurf

 

2. Rimuovi le pinne

Il secondo punto è davvero ovvio, ma vale la pena ripeterlo. Togliere le pinne prima di impacchettare la tavola è essenziale. Se si tratta di una tavola da kitesurf togliete anche pad, strap ed eventuale maniglia. Mi raccomando poi di impacchettare subito pinne ed eventuali altri accessori e metterli subito nella sacca così da non rischiare di lasciarle a casa! Quando impacchettate le pinne ricordate che sono rigide e che se le mettete a contatto con la vostra tavola potrebbero segnarla. Quindi è essenziale avvolgerle in qualcosa di morbido e posizionarle in un punto in cui non rischino di segnare la tavola. Potete usare del pluriball o del cartone e poi magari avvolgere il tutto nella muta, o in un pareo o un top in neoprene. Stessa cosa vale ovviamente per  il leash. Mettete subito nella sacca anche la chiavetta per riavvitare le pinne e toglierle al ritorno e naturalmente anche la paraffina della temperatura giusta. 

 

3. Proteggi la tua tavola

Eccoci finalmente al punto essenziale, ovvero come proteggere efficacemente la tavola. La sola sacca da viaggio non offre una protezione sufficiente per la vostra tavola da surf, qualunque sia la sacca che avete scelto. Per cui è necessario utilizzare una qualche protezione ulteriore. Vi elenco le più usate ed efficaci, che abbiamo testato personalmente.

PLURIBALL: Il pluriball è una soluzione semplice, veloce, piuttosto efficace e soprattutto leggera. Impacchettare la vostra tavola con questo materiale non vi costerà molto in termini di peso, nè di soldi. Se come me ne tenete sempre da parte un po' quando ricevete qualche pacco, potete facilmente arrangiarvi con quello. Altrimenti con pochi euro potete acquistare il pluriball su amazon. Volendo ne esistono anche varianti di pluriball più tecnologiche ed efficienti... tuttavia se proprio non ne avete in casa sarebbe meglio optare per qualcosa di più sostenibile.
La cosa fondamentale è fare attenzione a proteggere bene la punta, i rails e la coda... oltre ovviamente a coperta e carena. Insomma tutta la tavola deve essere ben imballata!

CARTONE DA IMBALLAGGI: se siete sensibili al problema della plastica che affligge i nostri oceani, e come surfisti dovreste esserlo, potete sostituire il pluriball con un rotolo in cartone riciclato da imballaggi. Si tratta del  cushion Paper Roll una soluzione ecologica che sostituisce il pluriball per imballare.  E' realizzato con carta riciclata ed e' del tutto riciclabile, Viene venduto in rotoli da 5 metri x 60 cm, più che sufficienti per imballare la vostra tavola più di una volta, ma non dovete buttarlo via ad ogni viaggio e quindi potrà facilmente durarvi a lungo.
Oltre a questo del normalissimo cartone, recuperato ad esempio da scatoloni usati, è perfetto per dare protezione alla punta ed ai rails della vostra tavola. Usatene una striscia tutto intorno.

FLEXI HEX: il Flexi Hex è un imballo in cartone riciclato appositamente creato per proteggere la vostra surfboard. Questo vuol dire che calza a pennello, non lascia parti scoperte e non richiede che siate dei maghi del packaging per usarlo. Si tratta di un imballaggio per tavole ecologico perchè realizzato con prodotto con cartone 100% riciclabile e biodegradabile, riutilizzabile e adattabile, oltre che facilissimo da applicare, molto resistente alla compressione, leggero ed economico. Ma come funziona? Si tratta di un imballo pronto in cui infilare la vostra tavola. Grazie alla sua struttura esagonale Flexi-Hex ha superato i crash test con un peso di a 31.000 kg/metro quadrato, quindi decisamente una protezione niente male per le nostre tavole. La struttura del Flex Hex avvolge la votra tavola creando una struttura di 3 cm tutto intorno... quindi considerate bene le misure della vostra sacca, perchè 3 cm sono davvero pochi, ma comunque vanno considerati. 
Se lo trattate bene riuscirete ad utilizzarlo tranquillamente per almeno un paio di viaggi, se siete fortunati anche di più. La cosa  importante è non riporci la tavola bagnata!
Attenzione a scegliere la misura giusta in base alla vostra surfboard.

 

Altri consigli:

Attenzione alla posizione degli oggetti nella sacca.

Questa è forse la cosa a cui prestare maggiore attenzione. Distribuire bene i pesi e fare attenzione a che gli oggetti che mettete nella sacca non ammacchino la vostra tavola è fondamentale. Questo significa imballare con cura le pinne, ma non solo. Anche il leash può fare dei danni. Ad esempio non dovete per nessun motivo adagiarlo sul fondo della sacca con la tavola appoggiata sopra o state sicuri che la tavola ne uscirà segnata. Le mute da surf, top in neoprene, asciugamani ecc. sono tutti ottimi ammortizzatori: cercate di stenderli in maniera uniforme sopra e sotto la tavola. Paraffine ed altri oggetti più rigidi vanno di lato ma devono essere fermati in modo che non possano andare in giro. 

Limita il peso complessivo.

Non è solo una questione di sovrapprezzo. Anche se la vostra franchigia è abbondante, meglio non esagerare e se potete dividere i pesi. Le sacche troppo pesanti tendono ad essere maneggiate con minor delicatezza. vengono strattonate, tirate, cadono ecc... 

Verifica le condizioni prima di uscire dall'aereoporto

Purtroppo quando imbarchiamo le nostre tavole in aereo le accortezze non sono mai abbastanza, ma se fate le cose per bene avete senz'altro migliori chance che le vostre amate tavole arrivino integre a destinazione. In ogni caso vi ricordo di controllare l'integrità della vostra attrezzatura prima di uscire dall'area di recupero bagagli, perchè una volta varcata quella soglia non potrete più farci molto. E in caso di danni leggete in questo articolo come fare la denuncia di danneggiamento bagaglio


COMMENTI

Autore: Vale

Ho incontrato il kitesurf nel 2002 ed è subito stato amore. Qualche anno dopo mi sono avvicinata anche al surf. Quando sono in acqua sono felice e se sei su questo sito probabilmente sai già di cosa sto parlando. Ci vediamo in acqua.

GUARDA ANCHE

Sacca kitesurf da viaggio

Scegliere la sacca per il trasporto attrezzatura

Arriva l'estate, periodo di kitetrip alla ricerca del vento verso destinazioni più o meno lontane e più o meno esotiche. Per chi raggiungerà la meta delle proprie vacanze in auto nessun problema, ma se dovete imbarcare la vostra attrezzatura in aereo è fondamentale imballare bene tavola e vela in una sacca da viaggio adeguata

|

Aiuto mi hanno rotto la tavola in aereo

Come comportarsi in caso di danni all'attrezzatura da parte della compagnia aerea

Trasportare la propria attrezzatura sportiva da surf o kitesurf in aereo è spesso complicato e costoso, se poi arriva anche danneggiata è un'incubo!Viaggiando in aereo con attrezzatura da kitesurf e in particolare con tavole twin tip, il rischio di inconvenienti in realtà è piuttosto basso, perchè le tavole twin tip sono solide e difficilmente si ammaccano per un colpetto

|

AMAZON PRODUCT

NEWSLETTER

MERCATINO

CONTATTACI - RICHIEDI INFORMAZIONI